Gaggi piazza Cavallaro, faretto non foderato che ha provocato l'incidente
Gaggi piazza Cavallaro, faretto non foderato che ha provocato l'incidente

Importanti sviluppi nell’indagine sulla morte di Salvatore D’Agostino, il 16enne di Gaggi deceduto nell’agosto del 2016 dopo essere rimasto folgorato urtando un faretto nella piazza del suo paese. Il Pubblico Ministero ha iscritto nel registro degli indagati anche l’ing. Francesco Trimarchi, project manager del colosso veneto del settore dell’impiantistica elettrica e delle grandi opere. A dare notizia di queste novità nell’indagine sulla tragica fine di Dago, è la società Studio 3A, che assiste i familiari della vittima.

Gli sviluppi dell’indagine. «L’incidente a Salvatore – scrive in una nota Studio 3A – è avvenuto in un luogo accessibile a tutti, mentre giocava una normalissima partita a calcio con gli amici. Finalmente si apprende quale direzione hanno preso le indagini sull’inconcepibile morte di Salvatore. Alle richieste di aggiornamento da parte di Studio 3A, che assiste i familiari della vittima – si era fermi da tempo ad un procedimento contro ignoti –, la Procura di Messina ha fatto sapere di aver iscritto due nomi nel registro degli indagati, e si tratta di due figure apicali dell’impresa che ha in gestione da parte del Comune il servizio di pubblica illuminazione, un autentico colosso del settore dell’impiantistica elettrica e, più in generale, delle grandi opere, con sede ad Arcugnano (Vicenza): la Gemmo Spa. Più precisamente, si tratta della presidente del Consiglio di Amministrazione, la dott.ssa Susanna Gemmo, 54 anni, e del project manager ingegner Francesco Trimarchi, 37 anni, responsabile dell’ufficio Tecnico e Gare d’Appalto, con particolare riferimento a quella per la Sicilia. Il tragico incidente è successo la sera del 2 agosto 2016, nella piazza antistante la Chiesa Madre della frazione di Cavallaro. Salvatore, per recuperare il pallone, aveva oltrepassato una ringhiera ma per farlo aveva toccato un faretto: non sarebbe dovuto succedere nulla se quell’impianto fosse stato a norma, e invece, purtroppo, la tremenda scarica elettrica che l’ha investito non gli ha lasciato scampo, fulminandolo. Non sono bastati i soccorsi e il trasporto all’ospedale di Taormina, le preghiere dei genitori, le fiaccolate di tutta un’intera comunità: dopo 18 giorni di coma, la sua luce si è spenta, gettando nella disperazione i suoi cari e tutto il paese di Gaggi. I genitori del ragazzo hanno subito presentato un esposto alla Procura di Messina.

L’azione della famiglia. «Nel documento i familiari formulavano una dettagliata serie di rilievi e di richieste per chiarire la dinamica dei fatti e perseguire le responsabilità. Ad esempio, che si individuassero il proprietario dell’area, il titolare dell’utenza che alimentava il faretto e il fornitore dell’energia elettrica, chi l’avesse collocato, collegando i cavi e mettendolo in esercizio, a chi competesse la sua manutenzione; ancora, che si accertasse se l’installazione fosse a norma viste la mancanza di griglie di protezione (oltre che di qualsiasi cartello che avvisasse del pericolo) e, soprattutto, la presenza di nastro adesivo e del relativo rotolo di supporto in cartone ormai consunti che attestavano un datato (e maldestro) intervento sui cavi. Non solo. I genitori domandavano anche chi avesse rimosso il faretto e se fosse stato effettivamente sequestrato su indicazione dalla magistratura, che si estendesse il sequestro anche al filo, al nastro adesivo e ai due bulloni e ai dadi che lo ancoravano alla staffa, rimasti viceversa ancora in loco, nonché a un altro quadro elettrico aperto e potenzialmente pericolosissimo in un’altra area della piazza che non era stata transennata dopo l’incidente dai carabinieri di Graniti. Infine, che si documentasse lo stato dei luoghi e la loro accessibilità a tutti, e che si accertassero le ragioni per le quali, il giorno dopo l’incidente, il 3 agosto, alcuni tecnici si fossero affrettati a intervenire sul quadro di contatori che alimenta la piazza, apponendovi un lucchetto nuovo prima inesistente».

L’incidente probatorio. «A febbraio, dopo sei mesi senza riscontri, i D’Agostino hanno cercato di sollecitare la Procura messinese presentando, tramite il loro legale, una richiesta di incidente probatorio, inclusa una dettagliata perizia sul luogo dell’incidente, alla luce di una nota nella quale il Comune di Gaggi forniva una serie di “informazioni e nominativi rilevanti in ordine all’accertamento della verità dei fatti”, che richiedevano evidentemente un approfondimento di indagini per acquisire prove di eventuali condotte illecite, prima della scadenza dei termini per la conclusione delle indagini preliminari. A marzo, però, il Sostituto Procuratore di Messina titolare del fascicolo per omicidio colposo, dott.ssa Antonella Fradà, rigettava l’istanza, spiegando che “l’incidente probatorio è uno strumento attraverso il quale si attua una anticipazione del dibattimento nella fase delle indagini preliminari ai fini dell’acquisizione di prove non rinviabili nel contraddittorio tra le parti, contraddittorio che però postula l’identificazione dei soggetti sottoposti a indagine nei cui confronti procedere”. Dal momento che il procedimento era (ancora) a carico di ignoti, “mancano i presupposti per procedere nelle forme dell’incidente probatorio””. “Successivamente la famiglia del ragazzo, attraverso il consulente personale Salvatore Agosta, per ottenere giustizia si quindi è affidata a Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità in ogni tipologia di sinistro, a tutela dei diritti dei cittadini, che si è subito messa in moto per acquisire tutta la documentazione e per dare il proprio apporto e impulso alle indagini, in collaborazione con il penalista della famiglia».

Lo stato del procedimento. «È stata presentata – continua Studio 3A – una richiesta alla Procura di Messina per conoscere lo stato del procedimento e per sapere se nel frattempo il Pm avesse assunto un qualche provvedimento e, attraverso i media, è stato anche lanciato un appello all’appena insediato Procuratore Capo di Messina, dott. Maurizio De Lucia, affinché prendesse a cuore il caso del ragazzo. Finalmente, nei giorni scorsi la Procura di Messina ha risposto con una comunicazione ufficiale sullo stato di avanzamento del procedimento e si è così potuto apprendere che ora figurano due iscritti nel registro degli indagati, come detto Susanna Gemmo e Francesco Trimarchi, rispettivamente presidente e manager della Gemmo Spa, la società a cui il Comune di Gaggi ha affidato la gestione del proprio impianto di pubblica illuminazione attraverso l’adesione alla convenzione per il Servizio Luce e servizi connessi per le Pubbliche Amministrazioni con Consip, la centrale acquisti della PA. Gemmo si è aggiudicata il lotto 8 della procedura di gara bandita da Consip per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, quello relativo alla Sicilia, e gestisce la pubblica illuminazione di tante altre città dell’isola, vedi Catania: parliamo di un gruppo che ha chiuso il 2016 con un fatturato di oltre 192 milioni di euro, che al 31 dicembre 2015 contava 664 addetti, che ha legato il suo nome a tante grandi opere in tutta Italia e che è rimasto coinvolto anche in numerose indagini della magistratura su appalti e tangenti, si veda quella sul Mose di Venezia».

Accertare le responsabilità. «Resta ancora da comprendere – conclude la nota di Studio 3A – se vi siano concorsuali responsabilità da parte dei funzionari del Comune di Gaggi, di cui ad oggi nessuno risulta indagato, circostanza che Studio 3A, a mezzo del legale messo a disposizione della famiglia, intende evidenziare al Pubblico Ministero, anche in forza del fatto che il nuovo sindaco, Giuseppe Cundari, insediatosi lo scorso giugno, aveva ammesso a mezzo stampa che “la responsabilità di quell’impianto è del Comune di Gaggi”. La Procura è giunta alle stesse conclusioni ma, almeno per ora, si è limitata a indagare i vertici della società che ha in carico la manutenzione di tutti i punti luce del territorio, e che quindi avrebbe dovuto mettere in sicurezza anche quel “maledetto” faretto. “Ora la speranza è che dopo oltre un anno di lunga ed estenuante attesa, la famiglia riceva finalmente una risposta dalla giustizia – afferma il Presidente di Studio 3A, dott. Ermes Trovò –, che vengano individuati tutti i responsabili della morte di Salvatore e che vengano perseguiti: tragedie come questa non possono e non devono restare impunite, anche perché non abbiano a ripetersi mai più».

© Riproduzione Riservata

Commenti