Salvo Cilona e Andrea Raneri
Salvo Cilona e Andrea Raneri

Botta e risposta tra gli assessori della Giunta Giardina sul potenziamento dell’organico della Polizia municipale. Il vicesindaco Andrea Raneri ha annunciato nei giorni scorsi l’intenzione della Giunta di «predisporre l’iter per 10 assunzioni, con una procedura che potrebbe essere espletata già da qui ai prossimi 6 mesi». Ma su questo annuncio, che concerne l’organico della Pm ormai ridotto ai minimi storici ed anche a rischio declassamento, interviene adesso l’assessore alla Viabilità ed al Bilancio Salvo Cilona che in una nota replica al collega di Giunta e frena sulle assunzioni e soprattutto non risparmia frecciate al collega di Giunta. «Rimango senza parole nel leggere le dichiarazioni del vicesindaco Raneri che afferma “Faremo 10 assunzioni per potenziare l’organico dei vigili urbani” – scrive Cilona -. Ho l’impressione che il vicesindaco faccia l’amministratore di un’altra città, forse Latina (nome a caso) ma non troppo. Siamo tutti coscienti che il corpo dei Vigili Urbani va potenziato come gli operai della manutenzione o i giardinieri alla villa comunale. Siamo consapevoli del problema ed io il primo in quanto titolare della delega per la Viabilità. Il Corpo Vigili Urbani è composto dal Comandante, di 12 vigili urbani ed un ausiliare del traffico e 4 unità nell’ufficio. Non vorrei essere polemico ma prima di rilasciare dichiarazioni, ormai il vicesindaco ci ha abituati, a confrontarsi con il sindaco e i colleghi di Giunta senza prevaricare sulle competenze. Competenze che in questo caso riguardano le deleghe del Bilancio e della Viabilità».

Il predissesto. «Un confronto amichevole e leale – continua Cilona – lo avrebbe messo in condizioni di non dire inesattezze e di non fare promesse che non potranno essere mantenute. Mi permetto di dire che il Comune di Taormina, malgrado il miglioramento della situazione finanziaria, inclusa Asm, è in predissesto, e questo non ci consente di fare assunzioni. È anche vero che abbiamo intrapreso un percorso di recupero dei tributi che incomincia a dare dei frutti ma questo non vuol dire che possiamo spendere senza rispettare leggi e regole. Il mio auspicio è quello di rimanere con i piedi per terra, impegnandoci giorno dopo giorno per migliorare la nostra città e di non pensare alle prossime elezioni comunali che si svolgeranno nel giugno 2018».

La svolta si allontana. Ancora una volta, dunque, sembra allontanarsi la prospettiva dell’incremento del numero di agenti in forza al Comando di Polizia municipale, a più riprese sollecitata dai rappresentanti sindacali dei vigili urbani e, di riflesso, sembrano lontani anni luce gli Anni Novanta quando venne prevista l’ultima pianta organica (ancora attuale) che in linea teorica prevede la presenza in servizio di oltre 30 agenti in un Corpo che invece è arrivato a disporre di un numero che non è nemmeno un terzo rispetto a quelle previsioni, mai diventate realtà. A suo tempo, cinque legislature fa, venne anche fatto un concorso per l’assunzione dei vigili ma anche quella procedura si è poi bloccata.

© Riproduzione Riservata

Commenti