Rosario Crocetta
Rosario Crocetta

Rosario Crocetta non ha intenzione di farsi da parte e continua il suo scontro frontale con i vertici del Partito Democratico. «Non c’è alternativa alle primarie. Sulla base dell’articolo 18 comma 5 dello Statuto del Pd – rivendica – io sono il candidato legittimo del Pd, che avrebbe dovuto proporre agli alleati. Il tempo c’è, le primarie si possono fare il 17 settembre. La democrazia è una cosa seria – attacca il Governatore – Un elezione del presidente della Regione non è un concorso a cattedre né per titoli, è un ruolo politico», ha detto il presidente della Regione riferendosi al Rettore di Palermo.

Sconfitta annunciata. I dem hanno ormai preso però la loro decisione e la candidatura di Micari sembra cosa fatta, come confermano fonti romane del Pd, secondo cui «entro venerdì o al massimo sabato arriverà una posizione ufficiale». Fino ad allora si proverà a convincere Crocetta a farsi da parte, con una mediazione di difficile riuscita. Crocetta vuole andare fino in fondo e candidarsi in qualsiasi caso, e lancia intanto l’ultima bordata: «Il progetto Micari è destinato a perdere, è una sconfitta annunciata».

© Riproduzione Riservata

Commenti