Giardini Naxos
Giardini Naxos

Aiace, l’associazione che si occupa dell’assistenza ai consumatori, chiede all’Amministrazione di Taormina insieme ai sindaci del comprensorio di ipotizzare già una richiesta congiunta da fare al Governo italiano in vista del G7 delle Pari Opportunità del 25 novembre: sostenere, con appositi fondi, la realizzazione di una Circonvallazione alternativa alla SS114 e dunque alle code veicolari della Via Umberto per consentire un passaggio più rapido ai mezzi di soccorso, sovente a rischio di rimanere intrappolati nel traffico a Giardini. «Indubbiamente – scrive il presidente di Aiace, l’avv. Franz Buda – il G7 svoltosi a Taormina e Giardini Naxos ha offerto della Sicilia, oltre le magiche immagini, le peculiarità ambientali e quelle turistico-culturali, mediante una efficace propaganda mai ottenuta prima d’ora. Ma durante l’evento è stato oggetto di censura la terribile strettoia istituita dall’Anas con il transito della SS.114 nell’abitato di Giardini Naxos. Molti hanno giustamente osservato che in alcune ore della giornata per attraversare il Centro Storico di Giardini occorre subire quasi lo stesso tempo necessario per raggiungere in aereo Catania da Milano o da altri siti. In pochi mesi quanto predisposto dal Governo italiano ha consentito di riattivare e risvegliare Taormina dal suo torpore, mettendo in opera lavori molto importanti (strade, Teatro Antico, Palazzo dei Congressi, Eliporti, Villa Comunale)».

Alternativa per le ambulanze. «Adesso – continua l’avv. Buda – un altro incontro internazionale si profila all’orizzonte per novembre, durante il quale i ministri del G7 dovranno affrontare le pari opportunità e sarebbe, quindi veramente meritorio che i responsabili del Governo, unitamente ai Sindaci del Comprensorio, potessero imporre all’Anas la realizzazione di una Circonvallazione (variante alla Strada statale 114) al fine di evitare l’obbligatorio passaggio veicolare nel Centro Storico di Giardini Naxos. L’opera sarebbe vitale non solo per il Comune che ne subisce l’attraversamento ma per tutti i Comuni della Valle Alcantara che sono costretti purtroppo a percorrere tale caotico passaggio. In particolar modo ne trarrebbe enorme beneficio l’Ospedale Sirina di Taormina che ogni giorno riceve e ricovera a stento le persone trasportate dal Servizio 118 e dalle altre ambulanze dalla fascia ionica. Con tale realizzazione dell’opera citata, il cittadino quale anche quale consumatore vedrebbe così realizzato anche il suo sacrosanto diritto alla salute».

© Riproduzione Riservata

Commenti