La centenaria signora Pancrazia Emmi con le figlie Rocca, Maria e Mimma
La centenaria signora Pancrazia Emmi con le figlie Rocca, Maria e Mimma

Festa grande per Pancrazia Emmi. In un noto albergo della Perla dello Ionio sono stati infatti celebrati i 100 anni della stimata donna taorminese che dal lontano 1961 gestisce una nota pensione della città e rappresenta, dunque, un pezzo di storia dell’ospitalità locale e della città stessa. Al fianco di Pancrazia, con affetto e con emozione, nella festa per lo storico traguardo raggiunto, c’era tutta la sua famiglia, a partire dalle figlie Rocca, Maria e Mimma e il figlio Nino, ma anche i nipoti, Maria, Cinzia, Stefano, Manuela, Chiara e Valentina ed i pronipoti Alessio, Sofia, Matteo, Edoardo, Niccolò, Carlotta, Giorgio e Lorenzo.

L’augurio del Papa. Il sindaco Eligio Giardina ha omaggiato la festeggiata con torta e fiori, e per l’occasione erano presenti anche gli assessori Salvo Cilona e Gaetano Carella, ed il vicepresidente del Consiglio comunale, Vittorio Sabato. Tra i presenti anche monsignor Salvatore Cingari (nipote di Pancrazia) e mons. Carmelo Lupò. Una pergamena speciale, di cui ha dato lettura padre Cingari, è stata inviata a Pancrazia dal Pontefice, Papa Francesco, con benedizione in occasione del suo centesimo compleanno ed augurandole di vivere ancora a lungo, con «la beata protezione della Vergine Maria sino ai suoi 150 anni».

Una taorminese doc. Pancrazia ha vissuto la sua vita con grande amore per la famiglia ed, al contempo, portando avanti con infinita dedizione il proprio lavoro, e nel corso degli anni è sempre rimasta un punto di riferimento per tutta la sua famiglia. Una donna innamorata della vita, forte e combattiva, generosa ed in grado di interpretare in modo perfetto quello spirito taorminese d’altre generazioni, che ha fatto la storia di questa città. E allora tanti auguri a Pancrazia, una vera taorminese d’altri tempi.

© Riproduzione Riservata

Commenti