La spazzatura abbandonata davanti al Comune di Taormina
La spazzatura abbandonata davanti al Comune di Taormina

Cumuli di spazzatura abbandonati davanti al palazzo comunale di Taormina. È “giallo” sul gesto compiuto da ignoti che hanno volutamente lasciato nella notte tra sabato e domenica scorsa diversi sacchi di rifiuti, una decina per l’esattezza, proprio all’ingresso di Palazzo dei Giurati. Sulla vicenda sono stati avviati alcuni accertamenti finalizzati a individuare chi sia stato l’autore di quest’azione. «Chiunque sia stato – afferma il sindaco Eligio Giardina, ha oltraggiato in modo vile e vergognoso la città di Taormina, arrecando un enorme danno d’immagine. Troveremo l’autore di questo gesto ignobile, verranno visionate le immagini della videosorveglianza e quindi sia delle telecamere site all’interno del Comune che di quelle esterne. Chi ha sbagliato deve assumersi tutte le responsabilità di quanto è stato fatto. È un’offesa inaccettabile alla città prima ancora che alle Istituzioni locali. Posso soltanto dire che adesso cercheremo in tutti i modi di risalire all’identità di chi ha posizionato quella spazzatura all’ingresso del Comune e daremo la massima collaborazione alle autorità preposte per accertare i fatti in oggetto».

Caccia all’inquinatore. Si punta, insomma, ad appurare chi ha lasciato quei cumuli di spazzatura davanti a Palazzo dei Giurati. Si potrebbe arrivare, ad ogni modo, ad una sanzione come una multa piuttosto salata ai danni dei responsabili, se le immagini delle telecamere di videosorveglianza interne ed esterne al palazzo consentiranno di risalire all’identità di questi “inquinatori”. Le prossime ore saranno già decisive per far luce su questo imbarazzante e indecoroso episodio di fine estate, che a prescindere dall’indecoroso comportamento di questi soggetti, di riflesso pone anche in primo piano il problema della raccolta rifiuti che a Taormina si appresta a cambiare gestione e che dal luglio 2015 è impantanata attorno ad una differenziata scattata soltanto in centro storico e mai avviata nelle altre zone e nelle frazioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti