Carla Santoro, dirigente Istituto Comprensivo 1 Taormina
Carla Santoro, dirigente Istituto Comprensivo 1 Taormina

Il cantiere sarebbe dovuto partire il 1 luglio scorso ma restano un mistero assoluto i lavori alla scuola media “Ugo Foscolo”. A 20 giorni ormai dall’avvio del nuovo anno scolastico, le previste opere di adeguamento sismico e messa a norma del plesso di Via Cappuccini non sono state ancora avviate e cresce le preoccupazione tra i genitori ed anche nella dirigente dell’Istituto Comprensivo 1, Carla Santoro. «Al momento – spiega la dirigente Santoro – non si è visto ancora nessuno, l’ultimo sopralluogo risale al 10 agosto scorso. L’impresa, tra l’altro, aveva già comunicato che dal 10 agosto al 25 agosto non avrebbe lavorato anche perché, in questo arco di tempo, i fornitori non sono disponibili per i materiali. A questo punto, lo scenario è quello che immaginavamo e cioè che si ripartirà da dove era terminato l’anno scolastico passato e i lavori magari intanto inizieranno e verranno poi sospesi. È ben comprensibile e condivisibile la preoccupazione dei genitori per il perdurare di questa situazione di incertezza». La dirigente del Comprensivo 1, nei giorni scorsi, ha inviato una lettera al Ministro dell’Istruzione per evidenziare la situazione di difficoltà e di precarietà delle scuole taorminesi ed ha anche richiesto in quella circostanza la nomina di un commissario con poteri speciali per gestire l’emergenza scuole.

Scenario prevedibile. Si prospetta l’avvio delle lezioni l’11 settembre proprio alla “Ugo Foscolo”, e l’Amministrazione vorrebbe poi spostare gli studenti delle elementari e delle medie nella ex sede delle Suore, dove serviranno intanto dei lavori anche in quel caso di messa a norma dell’edificio. La Giunta vorrebbe effettuare il trasferimento già tra la fine di settembre ed ottobre, se verranno avviati in tempi stretti gli interventi di sistemazione dell’immobile che il Comune sta per rilevare in affitto biennale. Intanto cresce, come detto, la preoccupazione dei genitori. «Abbiamo molte perplessità sul fatto che i previsti lavori alla scuola “Ugo Foscolo” – afferma la presidente del Consiglio d’Istituto del Comprensivo 1, Ornella Monforte – metteranno a norma quella scuola. Il rischio è che i 400 mila euro di finanziamento verranno buttati via senza risolvere i problemi. La preside ha atteso sino all’ultimo prima di inviare la lettera al Ministro e lei per prima sperava che qualcosa cambiasse. Non si comprende che qui l’unica vera priorità sono i nostri e i loro figli, solo e soltanto i bambini e non altre cose».

© Riproduzione Riservata

Commenti