Bit Taormina

Proseguono i contatti e le riunioni che dovrebbero portare all’istituzione della Borsa Turistica Internazionale del Turismo di Taormina. Ieri mattina si è svolto un summit tra i rappresentanti del Comune di Taormina e quelli della Eurofiere Srl di Messina, società che si è proposta per l’organizzazione dell’evento. Alla riunione erano presenti l’assessore al Turismo del Comune di Taormina, Salvo Cilona, l’esperto dell’assessorato regionale al Turismo, il prof. Filippo Grasso, il funzionario comunale Leo Mangano e lo staff della Eurofiere, con Piero Ridolfo (Relazioni esterne), Piero David (esperto della società) e Francesco D’Amico (project manager di Eurofiere). Dal confronto avvenuto ieri è emerso che l’evento non verrà calendarizzato a gennaio, come si era inizialmente ipotizzato ma qualche settimana dopo, a febbraio, in una fase successiva alla Bit di Milano, in agenda dall’11 al 13 febbraio e quindi dopo anche la Fiera internazionale del Turismo di Madrid, prevista dal 17 al 21 gennaio. Le date esatte verranno stabilite non appena saranno stati definiti i termini della convenzione, nel contesto di una intesa che riguarda anche la Regione Siciliana. Da qui a breve potrebbe essere messa a punto la versione definitiva della convenzione, di cui esiste al momento una bozza ancora in fase di discussione e necessitante di una serie di correttivi. Poi si passerà alla vera e propria fase operativa, tenendo anche conto che per l’organizzazione di un evento di tale rilievo i tempi saranno stretti.

Lumbi e Palacongressi. Al momento è, invece, già confermato, stando a quanto emerso anche nei colloqui e nei sopralluoghi di questi giorni tra le parti, che la sede dell’evento sarà il Lumbi, anzi al Palalumbi come viene ribattezzato in occasione degli eventi fieristici. Oltre al Lumbi, il Comune di Taormina conta di utilizzare pure il Palazzo dei Congressi, dove sono stati avviati qualche giorno fa dall’Aeronautica Militare i lavori finalizzati alla definitiva messa a norma della struttura, con 2 milioni e 800 mila euro stanziati appositamente dal Governo italiano che si vanno ad aggiungere agli 800 mila euro già impegnati sempre per il medesimo edificio in occasione del G7. I lavori al Palacongressi si concluderanno entro dicembre, forse anche prima tenendo conto che a novembre si terrà sempre a Taormina la ministeriale conclusiva dell’anno italiano di presidenza del G7 (G7 delle Pari Opportunità). Ecco, quindi, che l’obiettivo concreto è quello di poter disporre del Palazzo dei Congressi a pieno regime in occasione della Bit di Taormina per il mese di febbraio, a sostegno degli spazi fieristici che verranno allestiti al Lumbi.

Partner privati. «Si stanno già facendo avanti diverse aziende interessate a sostenere questa manifestazione, che a suo modo può rappresentare un valore aggiunto di rilievo nelle dinamiche del turismo internazionale sul quale si punta a Taormina», ha detto Cilona, che ha aggiunto: «Adesso discuteremo con la Regione che tipo di apporto intenderanno dare alla manifestazione, specialmente sul piano economico».

© Riproduzione Riservata

Commenti