Palazzo dei congressi di Taormina
Palazzo dei congressi di Taormina

Avviati i lavori per la definitiva messa a norma del Palazzo dei Congressi. L’Aeronautica Militare è tornata, in azione, a pochi mesi di distanza dalla prima fase di interventi che aveva riguardato la fase preparatoria al G7 dello scorso maggio. «È una notizia di grande importanza per la Città di Taormina – afferma l’assessore al Turismo, Salvo Cilona -. Siamo di fronte a dei lavori che sono stati riavviati nelle scorse ore e puntano a risolvere in via definitiva un problema che affligge Taormina da circa 30 anni. L’agibilità del Palacongressi può rappresentare una svolta per la città, per quel turismo invernale che inseguiamo da parecchio tempo e, dunque, per la destagionalizzazione. È un impegno realmente encomiabile e degno di massima stima quello che sta mettendo in campo l’Aeronautica, come ha già dimostrato in occasione del G7 e come certamente farà anche stavolta. Ovviamente siamo altrettanto grati al Governo Gentiloni e al Commissario Carpino».

Tempi. «I lavori appena iniziati – continua Cilona – dureranno 150 giorni e verranno sovrintesi proprio dal Prefetto Riccardo Carpino, Commissario Straordinario del G7 al quale Palazzo Chigi ha prorogato i poter per l’iter finalizzato al conseguimento della definitiva agibilità del Palacongressi». Il termine ultimo per completare le opere sarà quello del 31 dicembre ma la consegna delle opere dovrebbe avvenire già a novembre, quando Taormina dovrebbe ospitare la ministeriale che concluderà l’anno di presidenza italiana del G7, ovvero il G7 delle Pari Opportunità già preannunciato dal Sottosegretario di Stato, Maria Elena Boschi.

Le somme a disposizione. Per il «completamento degli interventi necessari e funzionali alla piena e definitiva agibilità del Palazzo dei Congressi, al fine di consentirne una efficiente gestione del medesimo», il Consiglio dei Ministri ha stanziato 2 milioni 813 mila 950 euro, che si aggiungono agli 806 mila euro finanziati in precedenza per gli interventi eseguiti in occasione del G7 di maggio. In tal senso c’è uno schema di accordo di collaborazione sottoscritto tra il Commissario straordinario del G7, l’Amministrazione della Difesa, il Comando Nazionale dei Vigili del Fuoco ed il Comune di Taormina, nell’ambito del quale le parti hanno «concordato la realizzazione delle opere di adeguamento normativo degli impianti del palazzo». Nei giorni scorsi, al fine di dare il via libera ai lavori, il sindaco Eligio Giardina ha approvato l’elaborato tecnico dell’intervento, corredato di quadro economico e di dettagliato computo metrico estimativo dei lavori, ed ha approvato lo schema di accordo di collaborazione tra le citate parti. Gli interventi in agenda prevedono la sistemazione dell’impianto elettrico e della stazione di sollevamento delle acque nere, adeguamento antincendio, opere all’impianto di climatizzazione, ed inoltre opere edili. Prevista la posa in opera di porte, serrande taglia fuoco, estintori, maniglioni antipanico ed evacuatori di fumo e calore.

© Riproduzione Riservata

Commenti