Giampiero D'Alia
Giampiero D'Alia

Giampiero D’Alia attende le mosse del Partito Democratico e le decisioni finali di Matteo Renzi per le Regionali di novembre. L’ex ministro centrista è in corsa per la candidatura alla presidenza, anche se non lo dice apertamente e spera di essere proprio lui alla fine il prescelto per una candidatura che metta insieme il Pd e i centristi, magari anche con Ap di Angelino Alfano. Ma il tempo sta per scadere e D’Alia sta iniziando a fare le sue valutazioni, mentre a sinistra si fa sempre più ingombrante la presenza di Leoluca Orlando che potrebbe superare tutti e incassare la “benedizione” dei democratici.

Il piano B. E allora, se a sinistra la strada si chiuderà, D’Alia avrebbe già in mente di far saltare il banco con un piano B che potrebbe portarlo, clamorosamente ma non troppo, verso Nello Musumeci. Il leader di Diventerà Bellissima è un nome gradito a D’Alia, tra i due c’è stima e se non arriverà una candidatura nella coalizione di centrosinistra, a quel punto per D’Alia si spalancherebbero le porte di un ruolo in cabina di regia in un centrodestra che ha ancora speranze di successo nonostante Miccichè e che potrebbe avere numeri elettorali più consistenti rispetto al fronte politico del quinquennio crocettiano.

© Riproduzione Riservata

Commenti