Vittorio Sabato, vicepresidente del Consiglio comunale di Taormina
Vittorio Sabato, vicepresidente del Consiglio comunale di Taormina

La vicenda del trasferimento del Comandante della Polizia municipale Agostino Pappalardo accende il clima in maggioranza ed è scontro, in particolare, tra il vicesindaco Andrea Raneri e il vicepresidente del Consiglio comunale, Vittorio Sabato. L’ex presidente del Consorzio chiede a Sabato di desistere dal tentativo di convincere Pappalardo a rimanere e lo invita ad interessarsi di altri problemi. Sabato, a sua volta, replica per le rime, si sbilancia sulla permanenza di Pappalardo a Taormina e preannuncia che il proprio gruppo consiliare non voterà più delle proposte di delibera portate in aula proprio da Raneri.

L’attacco di Raneri. «Non si capisce bene – afferma in una nota il vicesindaco Raneri – perché questa difesa ad oltranza da parte del consigliere Sabato sul trasferimento del Comandante, trasferimento che ha richiesto, legittimamente e liberamente, proprio il dott. Pappalardo. Si è proceduto, come per legge, e secondo normativa vigente nella specifica materia, ad effettuare una ricerca che consentisse l’individuazione di un sostituto con qualità, titoli ed esperienza adeguati. L’attuale richiesta di Vittorio Sabato che vorrebbe una inversione di marcia ed il blocco del trasferimento, a questo punto e per come sono gli atti amministrativi porterebbe quasi certamente ad un nuovo contenzioso tra il Comune di Taormina e chi ha già organizzato il proprio trasferimento impegnando se stesso e la famiglia a questo importante passo. Credo farebbe meglio il consigliere Sabato ad interessarsi a cosa accadrà in Asm, dove potrebbe verificarsi che l’azienda resti senza liquidatore». «Vittorio Sabato – conclude nel proprio documento Raneri – dovrebbe, secondo me, interessarsi maggiormente alla soluzione delle molteplici problematiche che attanagliano la città di Taormina, molte delle quali, per esempio, dipendono dall’insufficiente e/o mancanza di controllo del territorio che proprio i vigli urbani (pochi) in servizio, non riescono da diversi anni a garantire nonostante la organizzazione sia stata gestita proprio dal comandante Pappalardo. Pertanto chiedo all’amico Vittorio, avendo esperienza politica ventennale, di contribuire a ciò, impegnandosi sulle molteplici problematiche ed in particolare su questo argomento».

La replica di Sabato. «Il Comandante Pappalardo – replica Sabato – rimarrà a Taormina, non ha mai dato adesione al trasferimento a Reggio. Ha avuto una richiesta dal Comune di Reggio ma non ha mai firmato nulla per andare via. Il sindaco si è adoperato per trovare un sostituto che però non arriverà. Rimando al mittente le affermazioni del vicesindaco Raneri. Non prendo consigli da lui e gli ricordo che il sottoscritto è il primo degli eletti. Non ho nessun suggerimento da ascoltare, io sono un imprenditore e non uno che improvvisa. La verità è che qualcuno è preoccupato della possibile permanenza del Comandante Pappalardo, che si è dimostrato un dirigente validissimo e ha salvato Asm dal fallimento con un lavoro eccezionale fatto a costo zero. Questi sono fatti, tutto il resto sono chiacchiere. Non capisco e mi stranisce, quindi, tutto questo interessamento di Raneri sulla vicenda Pappalardo, e la grinta che ci sta mettendo nell’assicurarsi che il Comandante vada via». «In modo altrettanto chiaro – conclude Sabato – gli comunico che da questo momento il gruppo Diventerà Bellissima non voterà proposte di delibera del vicesindaco di Taormina. È un fatto politico grave quanto affermato su di me e mi chiedo: cosa c’è sotto? Il vero interesse è quello di far andare via Pappalardo per posizionare qualcuno all’Asm? Ho dei dubbi a questo punto anche su come sia stata amministrata la Rete fognante sinora. Io mi interesso solo del Comune e valuto i fatti: Pappalardo all’Asm è stato perfetto. Sul resto avremo tempo e modo di confrontarci».

© Riproduzione Riservata

Commenti