Caterina Rizzo
Caterina Rizzo

Soddisfazione viene espressa per il lieto fine nella lunga e tormentata vicenda del Ccpm di Taormina dal Comitato dei genitori dei bambini ricoverati ed in cura al Ccpm. Le famiglie hanno lottato e hanno dato battaglia con varie iniziative e adesso il traguardo tanto agognato è stato raggiunto. «Il presidente Crocetta – afferma la portavoce Caterina Rizzo – ci disse mesi fa che il Ccpm sarebbe rimasto a Taormina e stavolta dobbiamo dire che la promessa è stata mantenuta e sentirgli dire che la Sicilia ha bisogno di due centri ci rende più che felici, perché è quello che noi genitori abbiamo sempre sostenuto. Non c’era da fare una guerra tra Taormina e Palermo, ma sostenere che entrambe le località dovevano avere un centro ed è quella la scelta che è stata fatta. Noi genitori adesso siamo al settimo cielo e vogliamo ringraziare, tra tutti, in primis il dottore Sirna che ha fatto un lavoro eccezionale e ha lavorato senza fare proclami e dimostrando nei fatti di voler trovare le condizioni economiche per il mantenimento del Centro di Cardiochirurgia di Taormina».

La politica delle segreterie. Poi una frecciata alla politica: «Noi non siamo politici o seguaci di fantomatici gruppi politici che parlano di rivoluzione, ma che poi nei fatti non si sono mai mossi a favore di questi piccini. Ricordo che qualche tempo fa chiesi ad un onorevole di ascoltarmi, e cosa mi rispose? “Prenda appuntamento con la mia segreteria”. Da rappresentante dei genitori sono stata la prima ad attaccare Crocetta quando si prospettava la chiusura del Ccpm. Ma quando l’ho cercato non mi ha detto di rivolgermi alla sua segreteria, mi ha ascoltata e aiutata. Ed io per questo la ringrazio di cuore, a nome dei nostri figli0187.

© Riproduzione Riservata

Commenti