Nave Phoenix già di rientro verso la Sicilia - Vos Prudence nave di Msf - Vos Hestia navie di altra Ong - Phoenix nave di Moas
Nave Phoenix già di rientro verso la Sicilia - Vos Prudence nave di Msf - Vos Hestia navie di altra Ong - Phoenix nave di Moas

«Da diversi giorni monitoriamo con interesse la rotta delle varie navi delle Ong e, come si può evincere dalle immagini allegate, non possiamo che notare con tanto stupore e immensa perplessità come esse si spingano sino a poche miglia dalle coste libiche». A denunciare pubblicamente i fatti è l’avvocato Fabio Cantarella, responsabile, a fianco del segretario nazionale Angelo Attaguile, per la comunicazione in Sicilia del movimento “Noi con Salvini”. Cantarella, fedelissimo di Matteo Salvini in Sicilia, ha esternato in una nota una considerazione personale destinata ad ampliare ulteriormente il dibattito sulla questione degli sbarchi di migranti che non accennano a diminuire.

Il caso Malta. «Ricostruendo i tragitti di alcune navi Ong, si è tentati di pensare che si tratti più di un servizio charter, che porta il carico di migranti in Sicilia per alimentare quel sistema di “accoglienza” ben descritto nel all’interno del processo “Mafia Capitale” e che ancora oggi alimenta le cooperative vicine alla sinistra democratica e accogliente. Nelle immagini allegate – conclude Fabio Cantarella – si vede nave Phoenix, della Ong Moas, in arrivo presso le coste siciliane: considerato che battono bandiera maltese perché non li soccorrono a Malta piuttosto che scaricarceli in Sicilia?». Cantarella ha anche diffuso quattro immagini di posizioni marittime di navi Ong relative alla giornata odierna.

© Riproduzione Riservata

Commenti