L'intervento di Giuseppe Sterrantino
L'intervento di Giuseppe Sterrantino

Si è svolto nelle scorse ore a Mazzeo il primo incontro voluto dalle residenti di Castelmola Gabriella Veronica e Jenny Gullotta per affrontare in termini comprensoriali l’emergenza incendi verificatasi a più riprese in queste settimane con roghi che nel borgo turistico hanno devastato 8 km di territorio e hanno anche interessato Taormina e Giardini. La riunione è stata promossa e appoggiata dal Comidi, Comitato a difesa dei diritti dei cittadini presieduto da Giuseppe Sterrantino e dal Comitato “Amici delle Contrade presieduto da Annamaria Noessing. In questo incontro ognuna ha esposto la problematica e cosa poter fare per affrontarla e hanno partecipato anche l’onorevole Valentina Zafarana portavoce del Movimento 5 stelle, il Sindaco di Castelmola Orlando Russo, il consigliere comunale di Giardini-Naxos Alessandro Costantino e il consigliere comunale di Taormina Graziella Longo e l’ex presidente del consiglio di Castelmola Sergio Mastroeni.

Si è deciso di sottoscrivere una diffida da trasmettere a tutte le massime cariche dello Stato, a tutte le Prefetture siciliane, tutti i Sindaci delle province siciliane a tutti i Presidenti delle regioni italiane e a tutti i Sindaci delle zone più colpite in cui si chiede ad una sola voce di indire una conferenza dei servizi. Vi è infatti l’esigenza immediata di coordinare le forze in campo per affrontare la stagione estiva ma soprattutto per organizzare i mezzi e gli uomini per fronteggiare, tra poche settimane, l’inevitabile emergenza fango. Si è chiesto a tutti i presenti di inoltrare personalmente il documento e farsi parte attiva per “fare rete” affinché la sensibilizzazione sulla tematica superi il Comune, la Provincia, la Regione e coinvolga l’Italia stroncata da una miope politica di tagli e immobilizzata da un’accettabile disorganizzazione. Si è parlato di volontariato perché ci sono un gruppo di persone disposte previo corso di formazione a fare un corso di antincendio.

Agire in sinergia. Si è dato spazio a tutti i presenti che hanno il loro prezioso contributo, nella consapevolezza che restano ancora tanti quelli che vogliono veramente impegnarsi per il bene comune. L’onorevole Zafarana, si è fatta carico di sottoporre la diffida direttamente al Presidente della Regione, i consiglieri Costantino e Longo si faranno promotori di una mozione in Consiglio comunale e ciascuno rendiconterà su proprio operato al prossimo incontro che si terrà presso l’aula consiliare di Giardini ai primi di settembre. Si è scelto, infine, di organizzare degli incontri presso le sale consiliari dei Comuni in maniera itinerante proprio nell’intento di far capire che è un problema che riguarda tutti e che quindi bisogna “fare rete”. Anche per questo è stato creato anche un gruppo su Facebook per dare voce al motto “Stop Fuoco & Fango”.

© Riproduzione Riservata

Commenti