Carmelo Leonardi, capogruppo di
Carmelo Leonardi, capogruppo di "Diventerà Bellissima"

«Condivido le preoccupazioni della dirigente, dott.ssa Santoro e ritengo preoccupante se non addirittura sconcertante la situazione che si sta verificando sulle scuole di Taormina. Non si comprende per quale motivo non sono partiti i lavori alla Scuola media già in agenda a partire dal 1 luglio scorso. Quali sono i problemi che bloccano l’avvio delle opere di messa a norma della scuola Ugo Foscolo?» A chiedere spiegazioni all’Amministrazione comunale è il consigliere comunale e capogruppo di “Diventerà Bellissima”, Carmelo Leonardi.

Lavori bloccati alla scuola media. «La scuola è un pilastro sociale di questa comunità, che va salvaguardato e tutelato – afferma Leonardi -: non si può chiedere alla preside di risolvere poi lei con un colpo di bacchetta magica la questione prevedendo a partire da settembre dei doppi turni. Quello che ancora non si riesce a capire, è soprattutto in quale plesso andranno a fare lezione i ragazzi. L’Amministrazione deve fare chiarezza sul mancato avvio delle opere inerenti la messa a norma della scuola “Foscolo”, dove addirittura si vocifera che verranno eseguiti lavori non per 400 mila euro – importo del finanziamento – ma per circa 250 mila, quindi che cosa verrà eseguito in così poco tempo?»

Il rebus della ex sede Suore. «Ma è altrettanto importante – aggiunge Leonardi – che venga detto in modo esatto come stanno le cose nella ex sede delle Suore Francescane Missionarie di Maria: apprendiamo dalle dichiarazioni dell’assessore Carella che manca l’agibilità e che occorreranno interventi il cui iter richiederà circa 2 mesi di tempo. Allora dove inizieranno l’anno scolastico a settembre gli studenti delle elementari e delle medie di Taormina centro? Non si può far passare in secondo piano un problema che sta diventando, anzi è già diventato, una vera e propria emergenza. Sono molto preoccupato perché, a questo punto, si rischia la concomitanza tra lo svolgimento dei lavori alla scuola “Ugo Foscolo” e l’avvio dell anno scolastico. Alle attuali condizioni non potrà essere assicurato il regolare svolgimento delle elezioni e non vi è certezza sulla imprescindibile sicurezza degli studenti».

© Riproduzione Riservata

Commenti