Nunzio Corvaia, consigliere di
Nunzio Corvaia, consigliere di "ProgettiAmo Taormina"

«Da quattro anni dico che va approvato il Piano Spiagge, e attraverso quello si potrebbe poi procedere alla sdemanializzazione del lungomare e alla conseguente attivazione delle strisce blu ma questa Amministrazione è sorda e prende in giro gli abitanti di Mazzeo». Così il consigliere di “ProgettiAmo Taormina”, Nunzio Corvaia attacca i vertici della casa municipale sui problemi irrisolti di Mazzeo. «Perchè gli atti di quel Piano Spiagge non arrivano in Consiglio? Per quale motivo la Giunta non si muove? Bisognerebbe istituire un capitolato di spesa per Mazzeo con investimenti dedicati, approvare il Piano Spiagge e in quel modo, potendo poi avviare le strisce blu, ci sarebbero le risorse in bilancio da investire sul territorio. Il percorso è semplicissimo ma non esiste la volontà politica di dare la giusta attenzione a questa frazione».

Una lavata di faccia. «Non servono cose dell’altro mondo – continua Corvaia – ma i lavori di riqualificazione vanno fatti e bisogna farli bene, non con una “lavata di faccia” come quella della ringhiera tinteggiata a 12 mila euro in quel modo. Una zona a mare, il litorale di Taormina, non può essere trattata come un piccolo quartierino qualsiasi. Qui si vive di turismo e immagine e la situazione attuale è indecorosa, inaccettabile. È una vergogna, è una cosa indecente e inaccettabile. La campagna elettorale lasciamola perdere. Mazzeo va riqualificata subito, senza se e senza ma».

© Riproduzione Riservata

Commenti