Lo scivolo in piazza Pablo Pino a Mazzeo
Lo scivolo in piazza Pablo Pino a Mazzeo

«Ci faremo carico noi di fare una nuova bambinopoli per i bambini di Mazzeo. Abbiamo un progetto che ha già il parere favorevole del Comune». Lo ha reso noto ieri il presidente dell’Associazione Albergatori di Taormina, Italo Mennella. Saranno dunque gli operatori economici dell’industria dell’ospitalità a farsi carico di sistemare lo spazio per giochi per i più piccoli sito in piazza Pablo Pino, che da anni versa in condizioni disastrose. In pratica al momento l’unico gioco presente nella bambinopoli è uno scivolo vetusto e poco sicuro dal quale sono spesso anche caduti dei ragazzini, come nel caso del bambino di 9 anni di Mascali la cui famiglia ha fatto causa al Comune di Taormina e ha chiesto un risarcimento danni di circa 20 mila euro per un episodio accaduto nell’estate 2016 (caduta con 10 punti di sutura e frattura scomposta ai polsi per il bambino, ed un mese di ingessatura).

Comune assente. «Certamente non è una cosa bella che il Comune non riesca o non voglia trovare nemmeno poche migliaia o centinaia di euro per sistemare una bambinopoli – spiega il presidente dell’Associazione Albergatori di Taormina, Italo Mennella -. Ma abbiamo preso atto di questo disinteresse o disimpegno di fronte al quale non ci si può più voltare dall’altra parte e far finta di niente. I bambini meritano spazi e strutture adeguate per giocare e svagare, con dei giochi sicuri e funzionali. Per questo, preso anche atto dell’assenza di un impegno da parte del Comune su questa problematica, ci siamo prontamente attivati, a nostre spese, noi albergatori. Abbiamo presentato un progetto in Comune, al quale è stato dato parere positivo. Adesso quanto prima si potrà procedere alla sistemazione dell’area e alla collocazione dei giochi».

I mille problemi di Mazzeo. Proprio nei giorni scorsi è scattata la protesta dei residenti di Mazzeo, che nel corso di un’assemblea pubblica hanno espresso il loro malcontento per le condizioni in cui si trova la frazione che dovrebbe essere un gioiello di Taormina, il litorale della città dove invece la pavimentazione del lungomare è in più punti divelta, l’arredo e il verde lasciano molto a desiderare, le panchine e la ringhiera del lungomare sono in condizioni precarie e i bambini non hanno strutture adeguate con le quali sfruttare gli spazi all’aperto. Gli Albergatori si stanno ora muovendo per ovviare al problema della bambinopoli, facendo quello che già da anni avrebbe dovuto fare il Comune.

© Riproduzione Riservata

Commenti