La consigliera comunale del Partito Democratico, Graziella Longo
La consigliera comunale del Partito Democratico, Graziella Longo

«So di essere isolata, ma non accetto le frecciate di miei colleghi consiglieri quando mi dicono che così brucio le speranze di diventare sindaco al prossimo turno. Non accetto nessun ricatto e non rinuncio ai principi della mia educazione civile e politica». Così si era espressa nei giorni scorsi la consigliera comunale del Pd, Graziella Longo in una intervista sulla questione dei migranti a Taormina. Si vedrà se arriveranno o non arriveranno, lei intanto si è schierata per l’accoglienza e non ne ha fatto mistero, portando avanti una battaglia controcorrente, poco popolare e che anzi è di fatto l’esatto opposto del populismo pre-elettorale. Il polverone sui migranti, a suo modo e nonostante tutto, ha messo però la consigliera alla guida dei democratici e pare averne legittimato l’ambizione alla leadership locale in vista dei prossimi mesi.

Obiettivo 2018. La consigliera Longo non fa mistero di voler provare a ripercorrere le orme del padre Eugenio Longo, storico sindaco della città e si prepara a lanciare la sfida per una candidatura al governo della città, dove per altro non è mai arrivata una donna. L’esponente del Pd lavora alla sua nomination e potrebbe chiudere già nelle prossime settimane alcune intese in vista della competizione che, a questo punto, nella primavera 2018 la vedrà in corsa con molta probabilità per il governo di Palazzo dei Giurati.

© Riproduzione Riservata

Commenti