Fondazione Mazzullo

È attesa in settimana, forse già nelle prossime ore, la nomina del nuovo Presidente della Fondazione Mazzullo, dopo le dimissioni date nelle scorse settimane da Alfio Auteri. Per la successione al presidente dimissionario il sindaco Eligio Giardina sceglierà un nominativo fra una terna proposta nell’ambito della stessa area politica, quella del Pdr-Sicilia Futura. Al primo cittadino sono stati proposti tre nominativi, ovvero Giuliana Colavecchio, Alessandro Cardente e Sergio Spadoni. Si tratta di tre esponenti taorminesi. L’avvocato Colavecchio, è una stimata professionista figlia dell’ex consigliere di amministrazione di Asm, Carmelo Colavecchio. Cardente ha ricoperto sino a pochi mesi fa il ruolo di presidente dell’Associazione TraOrmina Forum, mentre Sergio Spadoni è anche lui una figura molta nota in città. Giardina comunicherà la sua scelta nelle prossime ore e chi verrà incaricato dovrà guidare la Fondazione Mazzullo per un anno, sino alle elezioni del prossimo anno previste nella primavera 2018.

Le dimissioni di Auteri. Auteri aveva motivato la sua decisione di lasciare alla luce della impossibilità di una ulteriore crescita dell’ente culturale, che praticamente non ha contributi dal Comune di Taormina e non dispone delle necessarie risorse per affrontare le incombenze quotidiane o programmare degli eventi. La sede della Fondazione, come si sa, è nell’incantevole scenario di Palazzo Dei Duchi di Santo Stefano, che ospita spesso importanti meeting culturali, mostre ed eventi vari, e che nel recente G7 è stata anche sede della Centrale Interforze delle Forze dell’Ordine.

© Riproduzione Riservata

Commenti