Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta
Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta

Il Pd gli ha già dato il benservito ed è arrivata la comunicazione che non sarà lui il candidato del centrosinistra alle Regionali novembre e adesso Rosario Crocetta tratta la sua uscita di scena che potrebbe portarlo a fare il viaggio inverso di cinque anni fa dalla Trinacria a Bruxelles. Il Governatore gradirebbe, infatti, un posto in lista alle prossime elezioni europee ma è anche vero che questo appuntamento dista ancora due anni nell’agenda politica e si parla cioè del 2019. E allora si potrebbero spalancare le porte di un posto invece in lista per le Nazionali, che non si sa ancora quando si svolgeranno ma in buona sostanza già incombono tra la fine di quest’anno e i primi mesi del prossimo.

Ricandidatura solitaria. Di certo c’è che Crocetta non ha intenzione di pensionarsi, lo ha fatto capire e sapere ai suoi colleghi di partito e se non arriverà una proposta da Roma, magari proprio per metterlo nell’elenco dei futuri deputati o senatori del Pd, l’attuale presidente potrebbe addirittura pensare di ricandidarsi da solo con il suo movimento. Si tratterebbe di una sorta di candidatura politica “kamikaze” visto che non avrebbe chance di essere rieletto Governatore ma, cosa che preoccupa i vertici del Pd, equivarrebbe al condannare in partenza alla sconfitta il centrosinistra in una elezione dove le chance di spuntarla sono già in partenza assai poche.

Faraone chiama Matteo. Renzi affronterà la questione nei prossimi giorni e a sollecitare un chiarimento è anche il suo fiduciario siciliano, Davide Faraone, che potrebbe essere alla fine il candidato del centrosinistra alle Regionali e vuole disinnescare il tentativo di candidatura solitaria da parte di Crocetta. Che sia Roma o Bruxelles, alla fine la previsione è che Crocetta uscirà dalla scena politica in salsa siciliana e andrà verso altri lidi politici, magari farà ancora qualche altra teatrata ma la strada è tracciata.

© Riproduzione Riservata

Commenti