Alessandro Adorno, direttore della Scuola di italiano per stranieri Babilonia
Alessandro Adorno, direttore della Scuola di italiano per stranieri Babilonia

“Babilonia” conferma ufficialmente la propria adesione alle iniziative per l’accoglienza a Taormina dei 38 migranti che potrebbero presto essere trasferiti in città e in una nota a firma del direttore della Scuola di italiano per stranieri, Alessandro Adorno, non risparmia bordate a coloro che si sono schierati contro l’arrivo dei cittadini extracomunitari ed anche alle associazioni che hanno smentito di aver sottoscritto la lettera aperta al sindaco. «In merito alle smentite di due associazioni al sostegno all’accoglienza dei migranti (Polisportiva Minotauro e Avulss) – evidenzia Adorno -, il Centro Babilonia ha prontamente aderito all’appello di solidarietà mettendo a disposizione i propri corsi di italiano per i migranti che dovessero essere ospitati a Taormina. Abbiamo aderito gratuitamente e senza attaccarci a nessun carrozzone politico in virtù dei nostri principi etici e morali. Leggiamo sbalorditi delle prese di distanza da parte delle stesse associazioni. Sogniamo una Taormina a misura di esseri umani. La moralità e l’etica è ciò che ci distingue delle bestie».

Ostilità per calcoli elettorali. «Abbiamo immaginato – aggiunge Adorno – che l’integrazione di un gruppo ristretto di migranti si potesse fare su base volontaria e gratuita dando loro l’opportunità di partecipare a una partitella a basket, a un corso di italiano, a un progetto di volontariato di pulizia delle spiagge, a una raccolta alimentare. Siamo sgomenti nel leggere tanta chiusura, tanta ostilità solo in ossequio a miserevoli calcoli elettorali e faziosi personalismi. La nostra disponibilità ad offrire formazione linguistica gratuita permane. Siamo altresì esterrefatti del silenzio delle istituzioni cittadine di fronte a questa disponibilità. Staremo attenti nel vigilare che nessuno voglia speculare anche su questo».

© Riproduzione Riservata

Commenti