Enzo Scibilia, ex assessore ai lavori pubblici
Enzo Scibilia, ex assessore ai lavori pubblici

Mentre Taormina è in fermento per la questione del si o no ai migranti, non si ferma la giostra politica delle grandi manovre in vista delle prossime elezioni e in queste ore sembra prendere quota in particolare la nomination per la candidatura a sindaco di Enzo Scibilia. L’ex assessore della Giunta D’Agostino (2006-07), defenestrato poi nella legislatura in corso dal sindaco Eligio Giardina nel 2014, è da mesi molto attivo per preparare l’appuntamento con le urne della primavera del 2018 e le sue recenti dichiarazioni su alcune riunioni di una nuova coalizione in via di formazione, alternativa all’Amministrazione in carica, hanno destato parecchio fermento. Scibilia sembra comunque intenzionato a percorrere sino in fondo la strada che potrebbe portare ad una sua candidatura a sindaco, verificando le relative chance di correre da “primo attore” nella volata per la prima poltrona di Palazzo dei Giurati. Contatti sono stati avviati anche con alcuni consiglieri comunali per sondare una disponibilità a sostenere la sua nomination. Di certo c’è che l’ex assessore vuole tornare protagonista sulla scena politica locale e starebbe preparando una lista in vista delle Comunali del prossimo anno, muovendosi attivamente in questa direzione nella frazione di Trappitello ma anche nel “salotto” politico di Taormina centro.

Il piano B. L’alternativa politica alla candidatura a sindaco per Scibilia rimane comunque quella di un ticket con il gruppo che fa riferimento a Mauro Passalacqua che potrebbe portare ad un’eventuale intesa di programma con la discesa in campo proprio di Passalacqua come candidato per la riconquista della sindacatura e, a quel punto, con Scibilia che verrebbe individuato come vicesindaco. Per il momento è il piano B di Scibilia, ma non si esclude che possa poi diventare il piano A.

© Riproduzione Riservata

Commenti