Cino Restuccia, presidente polisportiva Minotauro Taormina
Cino Restuccia, presidente polisportiva Minotauro Taormina

La Polisportiva Minotauro smentisce ufficialmente la propria adesione ad iniziative per l’eventuale accoglienza di migranti a Taormina. Una nota in tal senso è stata diffusa dal presidente Cesare (detto Cino) Restuccia che interviene per chiarire la posizione della Polisportiva che risultava tra i cinque firmatari di una lettera inviata da sindaco nella quale si comunicava «la disponibilità a supportare e promuovere iniziative volte a favorire una più efficace integrazione dei migranti che il Comune di Taormina dovrà accogliere nel suo territorio, aderendo ai progetti Sprar». La lettera era a nome di Fidapa Bpw Italy sezione di Taormina, Sezione Avulss di Taormina, Centro di lingua e cultura italiana Babilonia, Circolo Legambiente Taormina/Valle Alcantara e Polisportiva Minotauro. Quest’ultima adesso si chiama fuori, sconfessando l’adesione alla nota in oggetto.

Finalità soltanto sportive. «La Polisportiva Minotauro di Taormina – chiarisce in una nota il presidente Restuccia – comunica che, contrariamente a quanto dichiarato da un dirigente nei giorni scorsi, non parteciperà alle iniziative a sostegno dell’accoglienza dei migranti prevista a breve nel Comune di Taormina. Ciò perché tale attività esula dagli obiettivi istituzionali della stessa Polisportiva, i quali si limitano promuovere e far svolgere le attività sportive in ambito locale. Si rende, altresì, noto che la vicepresidente ed allenatrice della Minotauro, Antonella Merola, sarà disponibile, a titolo esclusivamente gratuito e personale, a partecipare ad iniziative relative all’accoglienza dei migranti ove queste fossero necessarie».

La lettera al sindaco. La lettera delle associazioni prospettava iniziative per «ottimizzazione del sistema di accoglienza con attività che prevedano l’interazione tra migranti ospitati e cittadini dei comuni di riferimento», «progetti per l’integrazione linguistica e socio-culturale», «sostegno socio-sanitario con organizzazione di raccolte di medicinali da banco» e «servizi ed attività di volontariato di pubblica utilità svolte dai migranti per la collettività». Attività che, come chiarito da Restuccia, non avranno l’adesione della Polisportiva Minotauro.

© Riproduzione Riservata

Commenti