Taobuk award a Gianni Amelio
Taobuk award a Gianni Amelio - da sx: il giornalista Alessio Zucchini, il regista Gianni Amelio, l'Assessore Regionale al Turismo Anthony Barbagallo, la Presidente di Taobuk Antonella Ferrara

È partita con un carico di emozioni la settima edizione di Taobuk. È la voce sublime del soprano Daniela Schillaci ad aprire la cerimonia di consegna dei Taobuk Award. Un n premio all’eccellenza letteraria in ambito nazionale e internazionale, ma anche un riconoscimento a quelle personalità che hanno affrontato i temi del dialogo tra passato e presente, del confronto generazionale, dell’impegno sociale e civile. La serata inaugurale di Taobuk, condotta dalla presidente Antonella Ferrara e dal giornalista di Rai1 Alessio Zucchini, vede protagonisti sul palco del Teatro Antico lo scrittore israeliano Abraham Yehoshua, considerato il massimo esponente della letteratura israeliana contemporanea, il cui pensiero ha attinto spesso dai valori fondativi dei Padri e lo scrittore italiano Domenico Starnone, uno dei più autorevoli esponenti del mondo culturale che ha dedicato grande attenzione al processo dialettico che lega maestro e discepolo. A loro sono stati assegnati i Taobuk Awards for Literary Excellence.

«La Sicilia diventi la capitale del Mediterraneo». Con queste parole lo scrittore Abraham Yehoshua, dal palco di Taobuk lancia l’idea di un Mediterraneo unito. «La Sicilia ha ricevuto l’eredità dei romani, dei musulmani, dei cristiani e degli ebrei. La Sicilia ha la chiave per essere la Bruxelles del Mediterraneo – sottolinea Yehoshua – però deve fare buon uso di questa chiave». In costante rapporto con gli intellettuali e i maestri del pensiero, Abraham Yehoshua è passato poi a parlare del rapporto “Padri e figli” nei suoi libri, riprendendo il tema scelto per la sesta edizione di Taobuk.

Il padre Vittorio e il figlio Christian. E di padri, in particolare del suo, ha parlato l’attore Christian De Sica premiato per la sua interpretazione drammatica in Fräulein di Caterina Carone. «Nell’ultimo periodo tra noi era come una recita, io facevo finta di non sapere che lui era malato lui fingeva con me di stare bene. Appena arrivato a Parigi, dopo che mamma mi aveva chiamato dicendomi che ormai rimaneva poco tempo, mi ha chiesto un wiskhy con ghiaccio e abbiamo parlato dei miei prossimi impegni». Così Cristian racconta l’ultimo incontro con il padre Vittorio, icona internazionale del cinema italiano, padre e maestro del neorealismo.

La serata inaugurale e i suoi protagonisti. Luigi Lo Cascio, attore, autore e regista di cinema e teatro tra i più autorevoli del panorama non solo nazionale, riceve il Premio Una vita per l’arte. L’attore palermitano ha voluto ricordare il maestro Luigi Pirandello, nell’anno in cui ricorre il centocinquantenario della nascita del grande scrittore e drammaturgo, leggendo un brano tratto da Uno, nessuno e centomila. Il Taobuk Award all’impegno civile è stato assegnato al procuratore e saggista Nicola Gratteri, che con la sua azione di magistrato ha dimostrato quanto la cultura della legalità possa ancor oggi essere uno strumento potente, posto al servizio della collettività, mentre Gianni Amelio, uno dei più apprezzati registi italiani, ha Taobuk Award per il film “La tenerezza”, per aver toccato con grande sensibilità, anche in questa ultima sua produzione, temi come il confronto generazionale e i rapporti tra genitori e figli. A concludere la cerimonia l’artista israeliana Noa che si esibita in concerto con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, diretta dal maestro Domenico Sanfilippo.

© Riproduzione Riservata

Commenti