Vittorio Sabato, vicepresidente del Consiglio comunale di Taormina
Vittorio Sabato, vicepresidente del Consiglio comunale di Taormina

«Mi hanno proposto di accogliere i migranti in immobili di mia proprietà, in particolare a Trappitello. Ho avuto richieste ma ho rifiutato. Ritengo che non si debba speculare su queste persone». La rivelazione arriva dal vicepresidente del Consiglio comunale ed imprenditore simbolo di Trappitello, Vittorio Sabato. «Senza alcuna forma di razzismo, dico che se fossi io sindaco mi opporrei all’arrivo dei migranti – afferma Sabato – ma di sicuro se queste persone dovranno arrivare non intendo essere uno dei privati che li ospiterà per ottenere in cambio quei rimborsi. Troppo spesso ci sono “benefattori” che accolgono questa povera gente soltanto per fare business e per farsi pagare dallo Stato».

Dagli scafisti alla strada. «Io non ho alcuna intenzione – conclude Sabato di entrare in un circuito che parte dalle responsabilità degli scafisti e di tutti coloro che vanno a prendere questi migranti, li illudono, li sfruttano e li gettano poi per strada. Non sono uno che specula su queste vicende e comunico che non c’è stata e non ci sarà una mia disponibilità a far parte delle strutture private locali di accoglienza».

© Riproduzione Riservata

Commenti