l'ex vicesindaco Mario D'Agostino
L'ex vicesindaco Mario D'Agostino

Faccia a faccia tra il sindaco Eligio Giardina e l’ex vicesindaco Mario D’Agostino che ad una settimana di distanza dalle dimissioni di questo ultimo si sono trovati a confronto nelle scorse ore per un chiarimento e per discutere la problematica del nuovo assessore da nominare in Giunta. Il colloquio è avvenuto martedì, mentre impera ancora la polemica sulle mostre di Palazzo Corvaja che ha visto i due amministratori finire al centro delle polemiche ed in particolare D’Agostino che ha dato le dimissioni nel giorno stesso, il 5 giugno, in cui Giardina aveva dichiarato di «non essersi occupato delle mostre» e di aver «demandato tutto al suo vice».

Prove di disgelo. «Ho incontrato nelle scorse ore D’Agostino e il suo gruppo politico – rende noto Giardina -. A conclusione di questo faccia a faccia ho chiesto il rientro di D’Agostino o comunque un rinnovato accordo col gruppo stesso per andare avanti in sinergia. La prospettiva di cui si è parlato è quella di un rinnovato accordo con la componente politica che fa riferimento all’onorevole Picciolo. L’alternativa che ho posto al rientro di D’Agostino e’ quella della nomina di un assessore che sia espressione sempre di questa componente politica ma in ogni caso di un nome di comprovata esperienza amministrativa». Dunque Giardina apre a sorpresa al rientro di D’Agostino e adesso bisognerà vedere se questi intenderà raccogliere l’invito o se invece vorrà delegare un suo uomo di fiducia. Anche in questo caso si dovrebbe comunque arrivare ad una intesa, vista la premessa posta dal primo cittadino che vuole un uomo di esperienza in Giunta per l’anno conclusivo della legislatura. «Non ho mai sfiduciato D’Agostino, adesso vedremo di decidere cosa è opportuno fare e in ogni caso intendo scegliere e nominare l’assessore entro la prossima seduta di Consiglio comunale, che dovrebbe tenersi il 22 giugno».

Il patto di desistenza. Poi Giardina si è soffermato sulla questione altrettanto spinosa delle voci di un presunto patto politico tra il sindaco e D’Agostino che sarebbe stato sancito alle elezioni del 2013, quando il vicesindaco uscente sostenne l’attuale primo cittadino facendo un passo indietro sul suo nome. Ora è la volontà di Giardina di ricandidarsi che non sarebbe stata “gradita” da D’Agostino e secondo alcune voci anche questo recente annuncio a sorpresa di Giardina avrebbe spinto D’Agostino alle dimissioni. Giardina ha un patto da rispettare che gli imporrebbe di fare un passo indietro in favore di D’Agostino? «D’Agostino mi ha sostenuto in modo leale alle scorse elezioni e di questo gli va dato atto. Detto ciò, non c’è altro. Non ci sono passi indietro o passi avanti – risponde a tal proposito Giardina -. La mia non è una candidatura blindata e nemmeno una scelta dittatoriale. Le elezioni si vincono con una aggregazione e non da soli, quindi ci confronteremo e vedremo quale sarà la candidatura più opportuna e valida da proporre alla città e se ci sarà quella di D’Agostino o di altri valuteremo tutti insieme. Si dovrà scegliere la candidatura migliore, la più produttiva per cercare di governare bene Taormina e c’è ancora tempo». «Io ho voluto dire che ci sono, per vincere comunque serve una coalizione», aggiunge Giardina che, insomma, riapre le porte a D’Agostino con toni distensivi, getta acqua sul fuoco delle polemiche recenti ma al contempo prova soprattutto a serrare le fila della maggioranza in vista sia della fase finale della legislatura sia in vista delle Comunali e intanto smentisce che ci sia un patto di vecchia data per il suo passo indietro in favore del suo ex vicesindaco. Le prossime settimane, anzi i giorni che verranno, diranno insomma verso quale prospettiva si avvia il tandem Giardina-D’Agostino, se ci sarà la ricucitura del rapporto politico per il finale di legislatura e se si arriverà soprattutto ad un punto di intesa sulle Amministrative 2018 in vista delle quali quali entrambi ambiscono dichiaratamente alla candidatura a sindaco. Chi farà il passo indietro e chi farà il passo avanti?

© Riproduzione Riservata

Commenti