"Van Gogh Alive - The Experience” a Bologna

Si fa sempre più intricata la vicenda delle mostre di Palazzo Corvaja. L’ufficio stampa “Utopia – Comunicazione e media relations” della mostra “Van Gogh Alive the experience”, in atto a Bologna, ha diffuso la seguente nota, che riceviamo e pubblichiamo: «In relazione ai recenti articoli apparsi su alcuni organi di stampa, relativi alla mostra multimediale su Van Gogh programmata in giugno a Taormina e successivamente annullata, si precisa che questa nulla ha a che vedere con l’esposizione multimediale “Van Gogh Alive – The experience” i cui diritti sono della Grande Exhibitions, attualmente a Bologna fino al 30 luglio, salvo proroghe. “Van Gogh Alive – The Experience”, il cui titolo è stato ricalcato da terzi, è ad oggi organizzata in Italia dalla società di produzione Ninetynine ed è la mostra multimediale internazionale su Van Gogh più appezzata e vista al mondo, sia per la qualità immersiva delle immagini e del commento musicale, sia per l’avanzato sistema tecnologico ed espositivo utilizzato su grandi superfici. È stata esposta con straordinario successo anche a Milano, Firenze, Torino, Roma e attualmente visitabile presso l’ex chiesa di S. Mattia a Bologna».

Querelle legale. «Gli organizzatori – conclude la nota – perseguiranno ogni azione legale a tutela dei loro diritti per la divulgazione di informazioni errate e l’uso improprio di immagini che possano generare confusione tra “Van Gogh Alive – The Experience” e la mostra della Bicubo Srl o analoghe ulteriori iniziative promosse in futuro da terzi. La presente comunicazione viene fatta per dovere di rettifica di quanto impropriamente pubblicato, a difesa dei diritti e dell’immagine delle società Grande Exhibitions e Ninetynine Srl».

© Riproduzione Riservata

Commenti