Aeronautica Militare a Taormina per il G7 - Foto di gruppo con il prefetto Carpino, il sindaco Giardina e il generale Vecciarelli
Aeronautica Militare a Taormina per il G7 - Foto di gruppo con il prefetto Carpino, il sindaco Giardina e il generale Vecciarelli

Il Comune di Taormina è pronto ad insignirla di un encomio speciale e la sua presenza ed il ruolo strategico avuto nella perfetta riuscita del G7 ha consentito la svolta per opere come il Palacongressi, le elipiste, la villa comunale e diversi altri interventi sul territorio. Stiamo parlando dell’Aeronautica Militare che ha soprattutto concorso alla cornice di sicurezza del summit. Uomini e mezzi dell’Aeronautica Militare hanno concorso al potenziamento delle attività di sicurezza, di prevenzione e controllo dei siti e degli obiettivi sensibili, messo in atto dalla Difesa in supporto al Ministero dell’Interno, in occasione della riunione G7 ed anche in questi giorni i militari ancora presenti in città vengono salutati con affetto e riconoscenza dai cittadini taorminesi.

La fase due. L’Aeronautica rimarrà a Taormina ancora per qualche settimana per ultimare delle procedure inerenti lo smontaggio della elipiste di Piano Porto ma potrebbe poi proseguire il suo apporto in questo territorio anche perché il Consiglio dei Ministri ha conferito la proroga dei poteri al Prefetto Riccardo Carpino per il completamento dei lavori e la definitiva messa a norma del Palazzo dei Congressi. A Taormina, già dal mese di febbraio 2017, l’AM ha iniziato ad approntare con il 3° Reparto Genio Campale AM di Bari Palese le due elipiste nelle località Piano Porto e Bongiovanni e per permettere l’attività di gestione del traffico aereo, è stato allestito dal 3° Stormo di Villafranca di Verona un attendamento per circa 50 persone.

Il saluto di Trump. In particolare, l’Aeroporto di Sigonella, ha supportato tutte le predisposizioni legate all’atterraggio, all’accoglienza e al decollo di tutte le delegazioni straniere. Tra queste quelle del G7 (Giappone, USA, Francia, Regno Unito, Canada, Germania), dell’Unione Europea (Consiglio e Commissione) e degli altri Paesi Africani intervenuti (Niger, Etiopia, Guinea, Tunisia, Kenia, Nigeria). Alla partenza, tutti i Capi di Stato/Governo giunti a Taormina hanno lasciato parole indelebili del loro passaggio sull’albo d’onore del 41° Stormo Antisom di Sigonella. Il Presidente americano Donald Trump, oltre al “thank you” seguito dalla firma sull’albo, ha ringraziato tutti i militari italiani e della Nato per la loro amicizia e per l’impegno costante negli scenari internazionali.

© Riproduzione Riservata

Commenti