Salvo Cilona, assessore al Turismo di Taormina
Salvo Cilona, assessore al Turismo di Taormina

«Il G7 darà forte slancio al turismo, lo dicono già le prime indicazioni che abbiamo e questa crescita interesserà soprattutto i mercati tradizionali». Lo afferma l’assessore al Turismo, Salvo Cilona, che non ha dubbi sulle prospettive di rilievo che potrà determinare il recente vertice dei sette grandi sull’industria turistica della Perla dello Ionio. «Il mercato americano sta dando segnali importanti già dai mesi che hanno preceduto il G7 – spiega Cilona – ma anche altre aree come quella del Regno Unito e della Germania, che da sempre sono affezionate al nostro territorio daranno importanti riscontri nei prossimi mesi. Siamo convinti che nonostante si sia trattato di un G7 e non di un G8, e quindi nonostante ci sia stata l’assenza della Russia, anche il mercato russo darà le proprie risposte e ci crediamo fortemente, perché la Russia ha rappresentato un valore aggiunto per il turismo di Taormina.

Le possibili sorprese. «Ma siamo anche molto fiduciosi su altri mercati emergenti, come quello canadese che non è stato mai stato significativo per Taormina e che, anzi, possiamo dire che ci ha un po’ snobbato tradizionalmente ma che potrebbe trarre una spinta non indifferente dalla recente presenza del premier Trudeau a Taormina. Il primo ministro canadese ha speso belle parole per Taormina e anche agli occhi dei suoi connazionali non passerà inosservata la sua intenzione di tornare a Taormina. Un po’ come per il presidente francese Macron, che ha persino inserito la foto del G7 sul proprio profilo Twitter a conferma che ha apprezzato questo momento istituzionale e l’accoglienza riservatagli in città».

L’impennata di aprile. «Ripartiamo – conclude Cilona – da quella crescita delle presenze del 25% che si è registrata ad aprile – continua Cilona – e che ha avuto un seguito altrettanto positivo sino a tutta la prima metà di maggio, capace di far registrare numeri positivi. Ovviamente per 10 giorni poi, nella seconda decade del mese appena trascorso, gli alberghi hanno dovuto chiudere per fare spazio soltanto al G7 ma siamo certi che Taormina a fine 2017 supererà di certo il milione di presenze turistiche anche quest’anno».

© Riproduzione Riservata

Commenti