Migranti
Migranti (Foto di repertorio)

Albergatori, imprenditori e commercianti di Taormina prendono posizione ufficialmente con una posizione di netta contrarietà sulla possibile dislocazione di una quota di migranti nella capitale del turismo siciliano. L’eventualità di un arrivo di migranti a Taormina, che scaturirebbe dall’impossibilità a far rimanere a Messina tutti i cittadini extracomunitari trasferiti al porto di Messina, ha determinato una risposta immediata del presidente degli Albergatori di Taormina, Italo Mennella, e del presidente dell’Associazione Imprenditori per Taormina, Franco Parisi. «Siamo persone da sempre contrarie ad ogni forma di razzismo e comprendiamo il dramma dei migranti – afferma Mennella – ma va esclusa categoricamente la destinazione a Taormina di una qualsivoglia quota di migranti. Si rischia un grave danno al turismo e all’immagine di Taormina, appena rilanciata dallo splendido esito del G7 che ha visto la nostra città al centro dell’ attenzione mondiale e valorizzata da tanti servizi trasmessi dai network internazionali. Non vogliamo neppure immaginare cosa si direbbe invece venisse detto ai turisti che anche Taormina sia terra di migranti. Noi respingiamo in modo assoluto questa eventualità e, se dovesse esserci qualche iniziativa in tal senso ci opporremo con fermezza sino anche a delle forme di protesta a tutela della città e degli operatori economici». «Proprio perché rispettiamo queste persone – aggiunge Mennella – riteniamo che la salvezza non sia quella di portarle qui tra i topi al Capalc. Auspichiamo vengano semmai portati in altre località più idonee».

Contrari anche gli imprenditori. «Dopo i disagi e i sacrifici affrontati per il G7 che sono stati ricompensati dalla perfetta riuscita dell’evento – afferma Parisi – non è pensabile che vengano trasferiti qui i migranti. Lo diciamo senza alcuna forma di razzismo e col dovuto rispetto, ma con la doverosa sincerità di ritenere prioritario che vengano salvaguardati il turismo, l’immagine e l’economia di Taormina. Il G7 potrà portare un ritorno mediatico e turistico molto importante e non si può vanificare questa grande opportunità. La nostra categoria è contraria ad un eventuale trasferimento qui dei migranti. Si trovino altre soluzioni, ma non nel territorio di Taormina».

© Riproduzione Riservata

Commenti