Taormina 22/05/2017 - Il prefetto Riccardo Carpino, Commissario straordinario per il G7 - Foto Fulvio Lo Giudice TaorminaToday ©2017
Taormina 22/05/2017 - Il prefetto Riccardo Carpino, Commissario straordinario per il G7 - Foto Fulvio Lo Giudice TaorminaToday ©2017

La gara d’appalto per la ristrutturazione delle toilette pubbliche del G7 a Taormina è stata bloccata dal Commissario straordinario Riccardo Carpino a seguito di un’offerta ritenuta “anomala”, presentata dall’unica ditta che si era presentata alla procedura. L’intervento riguardava la prevista realizzazione di “Interventi di straordinaria manutenzione nel Viale San Pancrazio connessi alla Presidenza Italiana del vertice”. Le opere in oggetto prevedevano un costo di 71 mila euro per consentire alla località turistica ionica di disporre di servizi igienici nelle adiacenze del centro storico. Il rivestimento dell’opera era previsto in pietra del tipo Taormina e l’elaborato era stato autorizzato dalla Soprintendenza ai Beni culturali di Messina. Il Prefetto Carpino ha espletato tutte le procedure di gara per il G7 con iter ordinario, senza deroghe, per impedire qualsiasi rischio di infiltrazioni mafiose nei cantieri. Per ovviare alla mancata riqualificazione dei locali comunali di Viale San Pancrazio sono stati adesso posizionati nel centro storico di Taormina dei Wc chimici, che riportano, ciascuno, la seguente scritta: «Anche i Potenti hanno bisogno». Carpino, in definitiva, dopo attente valutazioni sullo stato dell’iter ha ritenuto opportuno non aggiudicare la gara.

Il paradosso della Perla. Taormina, capitale del turismo siciliano, in questi anni ha messo a disposizione dei propri avventori un’unica struttura pubblica per i servizi igienici ed è quella sita in piazza IX Aprile. In concomitanza con il G7 del 26 e 27 maggio non ci saranno turisti per le strade di Taormina, viste le restrizioni previste per sicurezza, ma si tratta comunque di un servizio che potrebbe tornare utile anche in prospettiva. “Ci auguriamo di poter sbloccare l’iter quest’opera, che è stata sospesa per un’offerta anomala a seguito di un’attenta valutazione da parte del Prefetto Carpino. E comunque si tratta di un’opera che ha la sua utilità per i tanti turisti che di solito visitano Taormina – ha dichiarato il sindaco di Taormina, Eligio Giardina – e parlerò con il Prefetto Carpino affinché i lavori si possano comunque realizzare anche dopo il G7. Tra l’altro al Commissario Carpino sono stati prorogati i poteri per i lavori al Palazzo dei Congressi e rimarrà in città. A novembre, inoltre, Taormina ospiterà una ministeriale del G7”.

© Riproduzione Riservata

Commenti