Porto di Giardini Naxos - I controlli della Guardia di Finanza d'intesa con la Capitaneria di Porto
Porto di Giardini Naxos - I controlli della Guardia di Finanza d'intesa con la Capitaneria di Porto

Controlli a tappeto e rigide misure di sicurezza via terra ma anche via mare nell’imminenza del G7 di Taormina. Il controllo del litorale, con punto di riferimento il porto di Giardini Naxos è affidato alla Guardia di Finanza d’intesa con la Capitaneria di Porto. Le fiamme gialle hanno posizionato in gran numero i propri mezzi nell’area portuale di Naxos e stanno monitorando h24 la situazione. Le attività di controllo della GdF vengono sovrintese dal Comandante provinciale della Guardia di Finanza, col. Claudio Bolognesi, e guidate sul territorio dal Comandante della Compagnia di Taormina, il capitano Alberto Bazzoffi. Anche in questo caso sta per scattare la zona rossa dalla mezzanotte del 22 maggio e quanto riguarda le misure di sicurezza a mare, il comandante della Capitaneria di Porto di Messina ha già istituito la zona di massima sicurezza, l’area ad accesso controllato e l’area di sorveglianza ed allarme.

L’area controllata. Nella zona di massima sicurezza, formata dallo specchio acqueo affacciato sul promontorio di Taormina – compreso tra l’Hotel San Pietro di Letojanni a nord e lo stabilimento balneare Lido Recanati Beach a Giardini Naxos a sud – sarà vietata qualsiasi tipo di attività, ad eccezione della balneazione ma a patto che ci si mantenga ad una distanza inferiori ai 50 metri dalla riva. Nell’area ad accesso controllato, tra l’Elihotel di Sant’Alessio Sicuro a nord e il lido del Sole lungo Marina di Cottone di Fiumefreddo a sud, sarà consentita esclusivamente la navigazione in transito, vietate dunque la pesca e le immersioni. Nell’area di sorveglianza ed allarme, tra il Main Palace Hotel di Roccalumera a nord e il porto di Pozzillo di Acireale a sud, le imbarcazioni in transito dovranno seguire alla lettera le indicazioni che saranno fornite dalle forze dell’ordine tramite il canale 16 VHF marino. Al porto di Giardini Naxos, invece, sarà impedita la navigazione, l’ormeggio e l’ancoraggio delle barche, eccetto quelle dei servizi tecnico nautici e quelle commerciali.

© Riproduzione Riservata

Commenti