Giovanni Ficarra, presidente dell'Associazione B&B e Case d'Epoca Città di Taormina
Giovanni Ficarra, presidente di Federalberghi Extra Taormina

«Ancora un volta, dopo aver sottoposto il problema alla Prefettura di Messina ed alla Polizia di Taormina, si evidenzia quanto in appresso. All’interno di diverse strutture extra alberghiere, per il periodo 22-27 c.m., sono presenti turisti che hanno prenotato voli e strutture, in periodi precedenti alla pubblicazione dell’ordinanza prefettizia. I voli low cost, come si sa, non possono essere cancellati; cosi come le prenotazioni con tariffa non rimborsabile, e tutto ciò crea problemi enormi e conflitti». Lo afferma il presidente dell’Associazione B&B e Case d’Epoca Città di Taormina, Giovanni Ficarra in una nota inviata alle autorità preposto all’organizzazione del G7, tra le cui righe si lamenta la situazione di incertezza e di pesanti disagi in vista per i clienti di una categoria che, complessivamente, ha potenzialità di ospitalità in questo territorio per almeno 1200 posti letto.

Assenza di coordinamento. «Durante due diversi incontri, avvenuti con gli Organi preposti per chiarire le problematiche relative al soggiorno dei turisti in oggetto – si legge nella nota -, si è convenuto che la nostra Associazione disponesse una mail di richiesta per il rilascio di pass del tipo n 2, motivando che gli stessi potessero ritenersi domiciliati e di conseguenza ottenere i badge come i residenti. La mail che è stata inviata, ma non ha ricevuto alcuna risposta. Ad oggi nessun provvedimento è stato adottato. C’e da sottolineare che l’agenzia che gestisce l’ospitalità per il G7 non ha ritenuto opportuno consultare oltre 100 B&B e case vacanze, con la conseguenza che metà degli stessi hanno chiuso le strutture per una settimana con le conseguenze immaginabili. Le famiglie taorminesi sono state danneggiate e non rispettate. Nessuna regia, nessun coordinamento. Ancora una volta si prega di trovare una soluzione ai pochi turisti presenti rilasciando loro un badge di tipo 2. Rimaniamo in attesa di una attenta e cortese risposta».

© Riproduzione Riservata

Commenti