No G7 Taormina

Mentre Giardini Naxos aspetta con grande apprensione il corteo internazionale “No G7” previsto per la giornata del 27 maggio, in una Taormina ormai blindata con apposite misure di sicurezza eccezionali da 7 mila agenti delle Forze dell’Ordine e 3 mila militari dell’Esercito, avrà luogo oggi pomeriggio una manifestazione dell’Assemblea regionale contro il vertice dei sette grandi. L’assemblea odierna sarà una “prova generale” di riunione e confronto delle realtà che intendono protestare a fine mese contro i grandi del pianeta.

Radicale e diffusa opposizione. L’assemblea si svolgerà in piazza San Pancrazio, alle porte del centro storico di Taormina, e per questo il Comune con apposita ordinanza sindacale, ha deciso di vietare dalle ore 14 e sino al termine della manifestazione, la sosta e la fermata, in piazza San Pancrazio a tutti i veicoli. «Ci mobilitiamo – si legge in una nota dell’Assemblea regionale contro il G7 – Coordinamento regionale dei Comitati NoMuos – perché, in nome di una Sicilia “terra di pace e di accoglienza”, il G7 trovi una radicale e diffusa opposizione sociale».

Le realtà che aderiscono. All’assemblea popolare aderiscono i seguenti movimenti: Comitato No Muos – No Sigonella, Cobas Scuola, La Città Felice, La Ragna-Tela, Lila, Rete Antirazzista Ct, Partito Comunista Italiano Ct, Partito della Rifondazione Comunista Ct, Sinistra Anticapitalista Ct, Federazione di Catania dell’USB, Azione Civile, Coordinamento Democrazia Costituzionale-Ct, Catania Bene Comune, Open Mind lgbt, Femministorie, CittàInsieme, Comitato Antico Corso, Comitato No Pua, Borderline Sicilia, Sinistra italiana-Ct, Agedo, Animal Theatron , Sunia prov.Ct, collettivo Red Militant.

© Riproduzione Riservata

Commenti