Ospedale di Taormina
Ospedale di Taormina

«L’ospedale San Vincenzo va salvaguardato dal rischio di tagli ai posti letto. È un bene di tutti e come tale va difeso da tutte le forze sociali del territorio. Noi faremo la nostra parte». È quanto si legge in una nota di CittadinanzAttiva-Tribunale dei Diritti del Malato, che accende i riflettori sul futuro del “San Vincenzo” di Taormina e chiede garanzie sul futuro della struttura «i cui alti livelli di assistenza medica sono stati riconosciuti ed apprezzati anche dalle delegazioni ed i relativi staff medici presidenziali di Stati Uniti, Francia e Giappone durante i sopralluoghi per il G7». «Attenzione particolare – si legge nella nota – va rivolta alla salvaguardia dell’Oncologia medica, che deve conservare i posti letto sinora avuti e che rappresenta un punto di riferimento per una vasta utenza di pazienti provenienti da diverse Province. Siamo anche del parere che debba essere mantenuto a Taormina il Centro di Cardiochirurgia Pediatrica, la cui permanenza viene ritenuta importante da tante famiglie di genitori che hanno i figli ricoverati o in cura a Taormina».

Attenzione a 360 gradi. «Ma ci sono diversi reparti sui quali – continua il documento – occorre accendere i riflettori e tenere alta l’attenzione, l’Urologia deve ad esempio rimanere ed essere potenziata, così come va consolidata la presenza dell’Otorinolaringoiatria, un reparto che è fiore all’occhiello di questo ospedale. Ed al contempo va migliorata ulteriormente la situazione del Pronto Soccorso. A tal proposito sono stati fatti degli apprezzabili lavori di ammodernamento dei locali del reparto ma è necessario anche aumentare il numero di personale impiegato e bisogna garantire agli operatori medici una maggiore sicurezza, specie nelle ore notturne. Si tratta di un reparto che lavora sempre in emergenza e dove si riversano tanti pazienti in più da quando è stato chiuso il Ps di Giarre. Inoltre anche l’Emodinamica è un reparto fondamentale da difendere. Il “San Vincenzo” deve, insomma, mantenere tutte le sue specificità assistenziali».

I diritti del malato. «Dal 2 all’11 maggio – conclude CittadinanzAttiva-Tdm – è stata prevista la Giornata Europea del Diritti del Malato e noi l’abbiamo celebrata qui il 4 maggio presso la hall del presidio di Taormina, distribuendo a tutti i malati un opuscolo con i 14 diritti del malato, ed evidenziando il tema del diritto all’acceso e al rispetto del tempo dei pazienti. Vogliamo sottolineare in termini positivi l’operato e la collaborazione del dott. Rosario Cunsolo, direttore sanitario del “San Vincenzo” e di tutto il suo staff».

© Riproduzione Riservata

Commenti