Il Ministro Angelino Alfano a Taormina
Il Ministro Angelino Alfano a Taormina

«A Taormina tutto procede per il meglio. Il G7 sarà un gran giorno per la Sicilia e sarà soprattutto un grande spot per la Sicilia e per l’Italia intera. Andrò tutto bene». Così, con tono ottimistico, si è espresso questa mattina (sabato, ndr) a Taormina nel corso di una visita istituzionale al Comune e poi nei cantieri del summit internazionale, il Ministro Angelino Alfano. Insieme a lui c’erano gli onorevoli Nino Germanà e Enzo Garofalo, e per l’occasione Alfano ha voluto incontrare a Palazzo dei Giurati il sindaco Eligio Giardina e gli amministratori per fare il punto della situazione.

Sopralluogo al Teatro Antico. Dopo circa un’ora di briefing, Alfano si è avviato verso il Teatro Antico. «I ritardi sono stati ormai recuperati e da qui a qualche giorno si potrà completare tutto quello che ancora c’è da fare – ha detto Alfano -. Il sindaco è stato un “martello”, una sorta di lobbista istituzionale che ha sollecitato in modo giornaliero le emergenze da affrontare e da risolvere. Siamo alle fasi conclusive dei cantieri e il Governo ha la ferma convinzione che sarà un G7 di alto livello sul profilo organizzativo ed istituzionale. Poi, ovviamente, bisognerà pensare ai contenuti e anche su questo cercheremo di fare il massimo insieme agli altri Paesi che prenderanno parte all’evento». Ad Alfano il sindaco Giardina ha rinnovato la richiesta fatta nei giorni scorsi alla Sottosegretaria Boschi con una lettera, per la messa a norma ed agibilità definitiva del Palazzo dei Congressi dopo il G7 (al momento, intanto, sottoposto ad opere di sistemazione dell’edificio per il vertice): «Ieri (venerdì, ndr) mi ha chiamato la Boschi, che si sta occupando con grande efficienza del coordinamento di tutte le iniziative qui, e mi ha espresso lei stessa la sua soddisfazione per l’andamento delle varie attività di preparazione del G7. So che c’è questa richiesta per il Palacongressi, ed è un’istanza sulla quale c’è la massima disponibilità del Governo». Alfano ha avuto modo di approfondire i vari aspetti organizzativi e logistici con il commissario straordinario per il G7, Riccardo Carpino, il quale ha evidenziato che tutti i lavori si stanno concludendo in tempi record, ed ha incontrato a Taormina il Prefetto di Messina Francesca Ferrandino ed il Questore di Messina Giuseppe Cucchiara, ma anche il capo delegazione G7 Alessandro Modiano.

Il sogno olimpico. Alfano si è, infine, detto favorevolmente colpito dalla situazione al Teatro Antico, dove ormai i lavori di preparazione del sito archeologico volgono al termine e a breve si potrà avere uno scenario completamente nuovo, di particolare fascino per il concerto dei sette grandi previsto nella serata del 26 maggio alla presenza dei Capi di Stato e di Governo e delle rispettive delegazioni. Alfano ha anche lanciato in vista del futuro un annuncio impegnativo: «Dopo il G7 Taormina e la Sicilia potranno ospitare altri grandi eventi e uno di questi sono le Olimpiadi. La storia racconta che sono state fatte anche in delle città che non per forza sono delle capitali. Se il G7 andrà bene come sono certo, a quel punto potremo candidare la Sicilia ad altre eccezionali manifestazioni di livello mondiale».

© Riproduzione Riservata

Commenti