I cantieri del G7
I cantieri del G7

Lavori in centro storico ma anche nella zona a mare in vista del G7. Cantieri aperti anche nella recente giornata festiva del 25 aprile per una vera e propria “maratona non stop” finalizzata alla sistemazione dei sotto-servizi sul versante litoraneo, dal tratto di Capo Taormina sino alla zona di Mazzeo (frazione di Taormina) e Letojanni. Con una intensa attività si sta intervenendo, in tal senso, sulla SS114 sia per il potenziamento delle strutture per l’erogazione di energia elettrica, nell’ambito di un piano operativo avviato già da tempo da Enel, ed anche per le linee telefoniche a cura di Telecom ma anche con la sistemazione delle condotte idriche e delle tubature del gas. Si tratta, insomma, di un maquillage che senza sosta sta interessando un ampio tratto di territorio della strada statale che si estende da Mazzeo, sino a Spisone, Mazzarò, Isola Bella, Capo Taormina e con attenzione anche rivolta alla situazione di Giardini. Sia Naxos che Letojanni ospiteranno, infatti, numerosi ospiti tra i vari addetti ai lavori del vertice dei sette grandi.

I due media center a Taormina e Naxos. Nel caso specifico, lungo il versante litoraneo si troverà il media center per le tv italiane ed estere a pochi passi dalla Via Pirandello in una nota struttura alberghiera e soprattutto a Giardini il media center per i circa 4 mila giornalisti attesi al G7, ed in zona ci saranno anche alcune delegazioni tra i Paesi partecipanti al G7. A Recanati in tre grandi alberghi saranno concentrati circa 3 mila accreditati al G7, tra rappresentanti della stampa e delle delegazioni. Ecco perché appare fondamentale la piena funzionalità dei servizi essenziali e la necessità è che le utenze siano pienamente efficaci nelle giornate in cui Taormina e dintorni saranno al centro del mondo con il summit dei Paesi più industrializzati.

© Riproduzione Riservata

Commenti