Carla Santoro, dirigente Istituto Comprensivo 1 Taormina
Carla Santoro, dirigente Istituto Comprensivo 1 Taormina

«Non abbiamo ancora ricevuto comunicazioni ufficiali, attendiamo che ci venga comunicato se effettivamente come risulta a mezzo stampa le nostre scuole dovranno rimanere chiuse nelle giornate del 25-26-27 maggio per il G7». Lo ha dichiarato la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo 1, Carla Santoro, che ha fatto il punto della situazione sui plessi scolastici di Taormina centro e frazioni, destinati alla chiusura «per esigenze connesse al G7». Le ordinanza che disciplineranno l’attività scolastica e determineranno lo stop nelle due giornate del G7 e in quella di vigilia del summit internazionale sono ancora arrivate. Ma si tratterebbe di una formalità, destinata a trovare espletamento e relativa conferma, da qui ai prossimi giorni. «Aspettiamo indicazioni ufficiali dalle Autorità preposte che stanno organizzando il G7, e a quel punto saremo subito pronti a recepire quanto verrà disposto», ha evidenziato la preside Santoro.

Taormina come Lucca e Bari. Analogamente a quanto avvenuto anche a Lucca e a Bari, nei precedenti o imminenti appuntamenti dell’anno di presidenza italiana del G7. A Bari, dove si terrà una riunione del G7 delle Finanze dall’11 al 13 maggio, in quelle stesse date verranno sospese le attività negli asili e nelle scuole. Analogo scenario si prospetta a Taormina, con il Comitato per la Sicurezza e l’Ordine pubblico che sta studiando tutti i dettagli del piano di sicurezza da garantire nelle giornate in cui saranno in città i sette grandi del pianeta. Lo stop dovrebbe verificarsi per motivi di sicurezza ed anche in funzione delle esigenze di viabilità nelle zone che saranno interessate dal vertice internazionale. La chiusura riguarderà, in sostanza, le giornate di giovedì 25 e venerdì 26 maggio, tenuto conto che il 27 maggio si tratterà di una chiusura prettamente formale degli edifici scolastici, normalmente tutti già chiusi di solito il sabato.

© Riproduzione Riservata

Commenti