G7 Taormina

Verranno distribuiti in extremis i badge che regolamenteranno la circolazione a Taormina nei giorni del G7. È questa l’indicazione che emerge nell’ambito delle attente valutazioni dal Comitato per la Sicurezza che sta curando nei nei minimi dettagli l’organizzazione del vertice internazionale dei Capi di Stato e di Governo attesi a Taormina il 26 e 27 maggio. Si dovrà, quindi, ancora pazientare per disporre del prezioso lasciapassare che consentirà gli spostamenti in concomitanza con l’attivazione in città delle più rigide misure di sicurezza indispensabili per l’occasione. L’orientamento pare essere quello di procedere alla stampa ed alla distribuzione dei badge nei giorni che precederanno il G7. L’apposito software sarà, comunque, in grado di procedere alla stampa in tempi brevissimi e verranno attivati dei centri di distribuzione in paese per il rapido espletamento della consegna.

Piano operativo già pronto. Le procedure sono già state studiate e predisposte ma la linea strategica che verrà posta in essere sarà, in sostanza, finalizzata che una distribuzione anticipata dei permessi possa consentire a qualche malintenzionato di avere il tempo di provare a clonare o replicare il pass in oggetto. Per il G7, come già, si sa si dovrebbe procedere alla distribuzione di circa 30 mila badge, comprensivi dei residenti di Taormina (quasi 11 mila residenti), Castelmola (un migliaio di abitanti), inoltre i pendolari ed i domiciliati. Previste anche apposite misure di sicurezza per il trasferimento del personale che opera negli alberghi e arriva da fuori Taormina, i cui nominativi verranno comunicati preventivamente alla Questura e saranno prelevati con appositi mezzi.

Le tipologie di destinatari. I badge riguarderanno poi tutti i giornalista (circa 4 mila quelli attesi per l’eventi, destinati ad operare comunque al media center in un hotel a Giardini Naxos ed al centro tv per i broadcaster in un altro albergo nella zona litoranea di Taormina). E i badge, ovviamente, verranno dati a tutti i componenti delle delegazioni attese a Taormina per il G7 (20 quelle previste, ovvero quelle dei 7 Stati più le 2 della Presidenza dell’Unione europea e del Consiglio europeo e altre 10 di vari Stati) e a tutti i 7 mila rappresentanti delle Forze dell’Ordine e dei reparti dell’Esercito italiano che blinderanno la Perla dello Ionio assicurando lo svolgimento del G7 in condizioni di massima sicurezza.

© Riproduzione Riservata

Commenti