Delegazione francese G7
G7 Taormina. Delegazione francese al "San Vincenzo" con il medico di Hollande

Dopo la delegazione americana, giunta di recente a Taormina con il traumatologo personale di Trump, Benjamin Barlow, anche la delegazione francese in visita nelle scorse ore all’ospedale San Vincenzo in vista del G7 di fine maggio. Al presidio di contrada Sirina è arrivato, infatti, il dott. Alexandre Mendibil, medico della Presidenza della Repubblica Francese. Ad accoglierlo c’era il direttore generale dell’Asp Messina, il dott. Gaetano Sirna ed inoltre il direttore sanitario del “San Vincenzo”, il dott. Rosario Cunsolo, il dott. Enzo Picciolo (Sues 118 Taormina), il dott. Domenico Runci (Sues 118 Messina) ed il dott. Vincenzo Panebianco (Primario e Capo Dipartimento Oncologico presso la Divisione di Chirurgia Generale ad indirizzo Oncologico dell’ospedale di Taormina). Positive le impressioni della delegazione francese su quanto è stato visto nel corso del sopralluogo.

Sopralluogo ai reparti. «Il dott. Mendibil – spiega il direttore Sirna – ci ha chiesto informazioni sulla situazione del nostro ospedale e sul funzionamento complessivo della struttura e dei vari reparti. Nell’occasione ha avuto modo di vedere il Pronto Soccorso, la Radiologia, la Cardiologia e la Cardiochirurgia pediatrica. Lo abbiamo inoltre informato sui protocolli previsti nell’ottica del G7 e sui percorsi previsti per eventuali pazienti traumatizzati e politraumatizzati».

Il Piano sanitario per il G7. È stata confermata nella circostanza la prevista attivazione h24 di sette sale operatorie con altrettante equipe chirurgiche, e la predisposizione di alcuni Pma, Posti Medici Avanzati, che verranno allestiti a Taormina in occasione del G7 con medici e infermieri di primo soccorso. Le postazioni verranno posizionate in centro storico nei parcheggi Porta Catania e Lumbi, nella frazione di Mazzarò e quindi nella zona litoranea (piazzale della funivia) e a Giardini Naxos (in prossimità del casello A18). Si tratta di strutture mobili, piccoli ospedali da campo che verranno approntati per prevenire le eventuali emergenze che potrebbero scaturire ad esempio qualora dovessero verificare tumulti in zona.

© Riproduzione Riservata

Commenti