Paolo Gentiloni e Donald Trump

L’operazione Taormina scatterà ufficialmente giovedì 20 aprile. È in quella data che Paolo Gentiloni e Donald Trump si incontreranno a Washington per iniziare a programmare temi e contenuti del G7 del 26 e 27 maggio. Lo ha annunciato il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer. Al centro del colloquio tra il presidente del Consiglio e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ci saranno diverse problematiche che dovranno essere affrontate nell’ormai prossimo summit del G7 a Taormina. «Il presidente Trump riceverà il premier italiano Paolo Gentiloni alla Casa Bianca il 20 aprile per discutere del prossimo vertice del G7 e di una serie di altri temi», ha comunicato Spicer. Si parlerà di politica estera ed in particolare della minaccia terroristica che continua a rappresentare un pericolo costante ed imprevedibile per i vari Paesi del mondo.

Tensioni internazionali. Sullo sfondo ci sono altre tensioni internazionali ed in primis la situazione in Corea del Nord. «Risponderemo a una guerra totale con una totale e a una nucleare con un nostro attacco nucleare», così infatti la Corea del Nord ha avvertito gli Usa, che si preparano a raid preventivi contro Pyongyang. Nella capitale nordcoreana sono stati preparati prototipi di missili intercontinentali. «La guerra può scoppiare in ogni momento», avverte a sua volta la Cina. Secondo l’Afghanistan, la bomba americana Moab ha ucciso 82 militanti dell’Isis. Taormina sarà l’epicentro del dibattito tra i sette grandi sui focolai di guerra che stanno caratterizzando, da più parti, questi primi mesi del 2017.

© Riproduzione Riservata

Commenti