I bagni della scuola
I bagni della scuola "Ugo Foscolo" di Taormina

La casa municipale ha disposto l’esecuzione immediata di interventi di manutenzione ordinaria alla Scuola media “Ugo Foscolo” di Via Cappuccini. Per le opere previste sono stati stanziati dal bilancio comunale 8 mila euro, come richiesto dall’assessore Pina Raneri. In precedenza, il 20 gennaio scorso, la Giunta aveva impegnato un fondo di 20 mila euro proprio per risorse destinate alle manutenzioni nei plessi scolastici e in tal ambito verranno ora impiegate le somme che occorrono a risolvere alcune criticità in atto nel plesso che oltre agli studenti delle medie, ormai dal 2004 è anche sede delle elementari (a seguito della perdurante indisponibilità della “Vittorino da Feltre”). Il Comune ha affidato incarico per l’esecuzione degli interventi di manutenzione nell’immobile scolastico ad una impresa di Trappitello. Alla “Ugo Foscolo” allo stato attuale delle cose si ravvisano una serie di problemi come i bagni privi di porte e delle batteria di scarico, ed inoltre vi sono muri scrostati e tapparelle nelle aule che non funzionano e vanno sostituite o riparate.

Il mistero dei lavori di messa a norma. Si tratta di piccole grandi difficoltà che vengono da tempo richiamate e sollecitate all’attenzione dell’Amministrazione e degli uffici comunali dalla dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo 1, la dott.ssa Carla Santoro, che insieme al proprio staff affronta quotidianamente con apprezzabile impegno una serie di disagi. Ad oggi, per altro, rimane soprattutto incerta la tempistica in cui verranno eseguiti i lavori da 446 mila euro, già da tempo appaltati, per la messa a norma proprio dei locali della scuola “Foscolo”. I fondi andranno spesi e rendicontati entro il 31 dicembre di quest’anno.

Cantiere “mordi e fuggi”. Di certo è che si tratta di opere che non possono essere eseguite a lezioni in corso, quindi si attenderà la fine dell’anno scolastico ed anche tenendo conto dell’imminente appuntamento previsto in città con il G7, tutto slitterà a giugno inoltrato. E la preoccupazione è che i tempi strettissimi, ovvero da giugno a fine agosto (visto che poi riprenderà a settembre la scuola) non consentano poi di effettuare in modo dettagliato ed approfondito tutti gli interventi previsti e indispensabili per rendere ottimale la condizione di un plesso che ospita gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado e gli uffici della Dirigenza e Segreteria per un totale di 400 persone, di cui 348 alunni. Il trasferimento degli studenti (temporaneo o definitivo), ipotizzato presso l’attuale sede delle Suore Francescane Missionarie di Maria in via Bagnoli Croce resta sin qui in stand by perché bisogna prima trovare un’intesa definitiva tra l’Istituto religioso e il Comune.

© Riproduzione Riservata

Commenti