Vacanze

Taormina blindata per il G7 e diversi taorminesi si preparano a lasciare la città per qualche giorno, preferendo così concedersi qualche giorno di relax piuttosto che dover convivere con le ineludibili disposizioni di sicurezza che scatteranno a fine maggio nella località siciliana. Si prepara, insomma, una mini-vacanza o una gita fuori porta di qualche giorno, con partenza alle porte dell’ultimo fine settimana di maggio e rientro poi in paese a partire dal 29 maggio.

L’opinione dei ristoratori. «Non ho mai nascosto il mio pensiero, che è anche quello di parecchi altri operatori economici – afferma il noto ristoratore Giovanni Chemi – circa i tanti disagi che il G7 a Taormina comporterà e sta già determinando. Bisognava, perlomeno, ottenere degli interventi importanti a compensazione di tutti questi disagi. E mi riferisco in particolare all’agibilità definitiva del Palazzo dei Congressi ma anche alla questione del casinò, sulla quale il Governo poteva impegnarsi a far rimuovere una volta per tutte il veto che ci discrimina rispetto alle altre località italiane dove il casino già esiste regolarmente. E invece non ci sarà nulla di tutto questo. Bisognava fare un censimento tra i taorminesi e far valutare a loro se fosse il caso o di far svolgere il G7 a Taormina». «Cosa farò in quei giorni? Credo proprio che chiuderò il mio ristorante e porterò i miei nipoti fuori Taormina, magari sull’Etna. Non credo che ci sarà modo di lavorare».

Operazione vacanza. Operatori economici ma anche liberi professionisti sulla stessa posizione. «Porterò la mia famiglia a Venezia – afferma l’avvocato Corrado Barrile -. Credo che abbia poco senso rimanere qui nei giorni del G7, è meglio andare a rilassarsi e rientrare poi quando tutto si sarà normalizzato. Il vero peccato semmai è che questo G7 non lascerà praticamente nulla alla nostra città mentre poteva rappresentare un’occasione per risolvere alcune problematiche. Non si poteva pensare o pretendere che il G7 sarebbe stato la panacea di tutti i mali ma era lecito attendersi decisamente qualcosa in più in termini di opere per il territorio e su questo è chiaro che la politica locale non ha fatto abbastanza».

© Riproduzione Riservata

Commenti