Antonella Ferrara, presidente e ideatore TaoBuk
Antonella Ferrara, presidente e ideatore TaoBuk

Il Consiglio comunale blocca con un apposito ordine del giorno votato giovedì scorso il contributo annuale al Festival letterario Taobuk e la disputa sulla paternità della manifestazione, che secondo il Civico consesso è del Comune di Taormina e non dell’Associazione (no profit) Taobuk, trova risposta in una memoria depositata dalla presidente del Festival, Antonella Ferrara: un documento che ha redatto l’avvocato Saitta in risposta ad una interrogazione consiliare che già a suo tempo ha riguardato la vicenda nel 2014.

L’apporto del Comune. «In primo luogo va rilevato – si legge nella memoria – che, fin dalla sua prima edizione, “Taobuk – Le Belle Lettere” è stata ideata, promossa ed organizzata dall’Associazione Taormina Book Festival. Il Comune di Taormina, negli anni, ha semplicemente contribuito economicamente alla realizzazione della manifestazione. Anche in questa edizione il festival internazionale del libro Taobuk è stato promosso e organizzato dalla suddetta associazione. Ciò è indicato con chiarezza nella Delibera di Giunta n. 33/2014, la quale (nelle premesse a pagina 2, decimo capoverso) recita: «visto il progetto “Taobuk VI Edizione 18-25 settembre 2014” presentato in data 27/03/2014 prot. n. 4449 dalla Taobuk, Taormina Book Festival, con allegato piano finanziario». «Che l’Associazione culturale Taormina Book Festival sia il soggetto promotore ed organizzatore dell’evento emerge in più punti della delibera in parola. Un ulteriore esempio è quello del capoverso undicesimo di pag. 2, nel quale si evidenzia che il Comune ritiene di dovere permettere la organizzazione della sesta edizione del Festival Letterario Internazionale Città di Taormina denominato “Taobuk – Le Belle Lettere” approvando il relativo progetto generale, prot. n. 4449 del 2014 (presentato dall’Associazione Taormina Book Festival ndr) e sostenere il progetto finanziario, che prevede un costo complessivo di € 35.000,00 a copertura di servizi necessari per consentire la realizzazione e la promozione della manifestazione».

Principio di sussidiarietà. «Rientra tra le prerogative del Comune, infatti, quella di contribuire alle spese necessarie per la realizzazione di iniziative (anche di carattere culturale) promosse da singoli e/o da associazioni. L’Ente locale può concedere ai soggetti promotori beni e/o servizi, ovvero erogare anche incentivi di carattere finanziario. Ciò è consentito dalla legge per tutti quei progetti che rientrano tra le finalità sociali, culturali, scientifiche, ecc… perseguite dell’Ente stesso». «Tale prerogativa deriva direttamente dal principio di sussidiarietà sancito dall’art. 118 Cost., il quale sancisce che i Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio della sussidiarietà. Ad ogni Comune è concesso, quindi, di realizzare il fine pubblico attraverso la partecipazione dei cittadini (singoli o associati), i quali possono promuovere iniziative che sono di diretto sostegno alle finalità sociali e/o istituzionali dell’Ente. Si tratta, in via sussidiaria, di una modalità volta alla realizzazione di finalità pubbliche, che non si concretizzano attraverso l’azione diretta della Pubblica Amministrazione, ma tramite l’adesione della stessa Amministrazione ad iniziative di soggetti terzi che svolgono un servizio di utilità collettiva».

Adesione del Comune al progetto. «In conformità al principio di sussidiarietà orizzontale sancito dall’art. 118 Cost., infatti, anche il Comune di Taormina ha previsto nel proprio statuto che le associazioni e libere forme associative possano accedere alla struttura ed ai beni e servizi comunali secondo le modalità previste dai Regolamenti anche con incentivazioni finanziarie. Proprio per questo motivo il Comune con la D.G. n. 33/2014, aderendo al progetto presentato dall’Associazione Taormina Book Festival e sposando le finalità insite nello stesso, “propone […] di organizzare la sesta edizione del Festival Letterario Internazionale città di Taormina denominato Taobuk 2014 allo scopo di potenziare l’offerta culturale e turistica, destinando le seguenti sedi: Teatro Antico, Archivio Storico, Piazza IX Aprile, Fondazione Mazzullo”. È palese, quindi, l’intento del Comune di aderire all’organizzazione dell’evento promosso dall’Associazione culturale Taormina Book Festival, in quanto si condivide la finalità del progetto Taobuk di “potenziare l’offerta culturale e turistica” del territorio cittadino. Per questo motivo l’Ente partecipa all’organizzazione dell’Evento offrendo beni, servizi e risorse finanziarie necessarie allo svolgimento della manifestazione».

© Riproduzione Riservata

Commenti