L'assessore Eleonora Cacopardo
L'assessore Eleonora Cacopardo

Sarà una ditta di Piana degli Albanesi (Palermo) a realizzare i previsti lavori di risagomatura del torrente Santa Venera, il cui appalto è stato infatti aggiudicato nelle scorse ore. «Adesso l’obiettivo è quello di far partire i lavori in tempi brevi», ha evidenziato l’assessore Eleonora Cacopardo, che d’intesa con il sindaco Orlando Russo sta seguendo l’iter procedurale per il quale il Dipartimento regionale della Protezione Civile ha trasmesso nei giorni scorsi al Comune di Castelmola, con atto a firma del dirigente generale Calogero Foti, un decreto di finanziamento dell’importo di 209 mila euro. Si andrà adesso, quanto prima, ad effettuare un piano di intervento finalizzato alla pulizia e risagomatura del torrente Santa Venera sito al confine tra il borgo turistico ed il Comune di Taormina, all’altezza della popolosa cittadina di Trappitello. Si dovrebbe così “disinnescare” una problematica, quella del “Santa Venera”, che soprattutto nei mesi delle piogge si trasforma in una vera e propria bomba ecologica per il borgo turistico.

Riassetto ambientale prioritario. «E proprio la peculiarità del nostro territorio che è uno dei borghi più belli d’Italia – spiega l’assessore Cacopardo – ci spinge, con ulteriori motivazioni, a far sì che si possa effettuare quel riassetto ambientale che non soltanto rappresenta un elemento fondamentale a tutela della vivibilità e della pubblica incolumità ma è anche, di riflesso, un aspetto altrettanto importante per offrire un territorio che sia in ottime condizioni ai visitatori. I torrenti nel corso degli anni hanno determinato molteplici emergenze di carattere ambientale ed idrogeologico, in questi anni l’Amministrazione con i vari finanziamenti ottenuti e col proprio impegno è intervenuta per attenzionare e risolvere diverse criticità in atto».

Fondo regionale dell’alluvione 2015. I lavori verranno effettuati con un fondo regionale riguardante “Interventi urgenti di Protezione Civile conseguenti agli eccezionali eventi metereologici che nel periodo dall’8 settembre 2015 al 3 novembre 2015 hanno colpito il territorio”. Il finanziamento stanziato da Palermo dovrebbe consentire una svolta ad un anno e mezzo di distanza da quelle piogge che, ancora una volta, hanno creato disagi e danni all’altezza del corso d’acqua. I lavori si soffermeranno sugli argini del torrente Santa Venera nel tratto a partire dal Comune di Castelmola, puntando a contenere così i rischi che si determinano di frequente in concomitanza con il maltempo.

© Riproduzione Riservata

Commenti