Mazzeo ringhiera divelta
Mazzeo (Taormina). Un tratto di ringhiera del lungomare

Dopo i recenti interventi di bonifica in piazza Pablo Pino, che ha ridato decoro alla villetta e l’ha ripulita da cumuli di spazzatura, arriva un’altra buona notizia per Mazzeo. La Giunta ha dato, infatti, il via libera ad alcuni interventi di sistemazione dell’arredo urbano e di manutenzione ordinaria e straordinaria nella frazione marina di Taormina che da parecchi anni a questa parte è ridotta in condizioni pietose. La casa municipale ha deliberato lo stanziamento di 15 mila euro per opere finalizzate a consentire la pitturazione della ringhiera del lungomare, alcune manutenzioni alla pavimentazione che in diversi punti (da tempo immemore) è stata sollevata o divelta dalle radici degli alberi e si dovrebbe anche effettuare qualche miglioramento alla segnaletica. Logico e chiaro che si tratti sempre di un punto di partenza ma qualcosa almeno sembra muoversi nella prolungata e imperturbabile condizione di incuria che affligge la bellissima frazione, un gioiello ridotto a periferia abbandonata e dimenticata della città di Taormina.

Adesso altri interventi. Soddisfazione per questo stanziamento di fondi per Mazzeo è stata espressa dal delegato del sindaco, Salvatore Valerioti: «Devo dare atto al sindaco Giardina di aver voluto dare un apprezzabile segnale di attenzione per la nostra frazione, che accoglie per altro le mie tante sollecitazioni. C’è tanto da fare ma si tratta di un segnale incoraggiante e fa ben sperare che si possa iniziare a riqualificare la nostra frazione». Adesso si predisporranno gli interventi per i quali si espleterà la relativa gara e poi si potrà avviare la fase operativa. Ed in vista della stagione turistica appare, comunque, fondamentale anche sbloccare un’altra atavica questione rimasta sin qui irrisolta: la necessaria riattivazione delle strisce blu. C’è da ultimare la pratica di sdemanializzazione del lungomare che, mediante poi il ripristino del servizio di strisce blu, consentirebbe di introitare somme utili da poter reinvestire in opere sul territorio.

© Riproduzione Riservata

Commenti