Agostino Pappalardo, comandante Polizia Municipale e Commissario liquidatore Asm
Agostino Pappalardo, comandante Polizia Municipale e Commissario liquidatore Asm

Trasferimento congelato sino al 1 giugno per il Comandante della Polizia municipale, Agostino Pappalardo, per il quale il Comune di Reggio Calabria ha chiesto il trasferimento alla guida del locale Comando di Pm della città dello Stretto. La procedura di trasferimento, come si sa, è stata già avviata dal Comune di Reggio anche tramite la Prefettura ma il sindaco Eligio Giardina ha messo in stand by l’iter sino al G7 del 26 e 27 maggio. A quel punto si deciderà in via definitiva se Pappalardo andrà a Reggio o se rimarrà a Taormina. Anche per non creare “incidenti diplomatici” Giardina, pur evidenziando che la volontà è quella di non privarsi di Pappalardo, la decisione definitiva non avverrà in tempi brevi. Un modo non troppo implicito per far capire che la decisione ultima si concretizzerà dopo il G7, quando sarà terminato il vertice internazionale dei Capi di Stato e di Governo in occasione del quale Taormina avrà gli occhi del mondo puntati addosso e ci sarà bisogno anche dell’apporto di figure dirigenziali che già conoscono il territorio.

Il fattore Asm. Lo snodo cruciale per la vicenda potrebbe però essere quello di Asm, di cui Pappalardo è commissario liquidatore dall’ottobre 2014. «Poi ne parliamo, vedremo cosa bisogna fare» è il sibillino commento dato in aula consiliare nei giorni scorsi dal vicepresidente del Consiglio comunale, Vittorio Sabato che in sostanza dà voce a quella parte della maggioranza che preferirebbe la conferma di Pappalardo in Asm sino a fine legislatura, ovvero sino alla primavera del 2018 quando poi si tornerà alle urne. La partenza di Pappalardo infatti non soltanto lascerebbe un vuoto al Comando della Polizia municipale ma soprattutto alla guida dell’Azienda municipalizzata, riaprendo la contesa politica che negli ultimi due anni e mezzo si era “acquietata”. Ecco perché la vicenda rimane ancora aperta a qualsiasi finale.

© Riproduzione Riservata

Commenti