Le nuove cabine della Funivia di Taormina
Le nuove cabine della Funivia di Taormina

Si avvicina il momento della posa delle nuove cabine per la funivia di collegamento tra Taormina centro e Mazzarò. La Leitner Spa di Vipiteno, ditta incaricata per i lavori che dovranno essere effettuati da qui a breve, ha comunicato nelle scorse ore il piano dei lavori per la sostituzione delle otto cabine, suddivise in due grappoli da quattro. Lo ha reso noto il direttore d’esercizio della funivia, l’ing. Sergio Sottile. «I materiali necessari alla trasformazione delle stazioni, le guide a terra e gli organi di apertura e chiusura porte – spiega Sottile -, arriveranno a Mazzarò il 20 marzo prossimo insieme ai tecnici specializzati che provvederanno al montaggio aiutati dal personale della funivia. In circa due settimane si dovrebbe completare la posa in opera. Tuttavia non è possibile dare conferme precise sull’inizio dei lavori se perverrà l’autorizzazione del Ministero dei Trasporti alla modifica dell’impianto così come è avvenuto lo scorso anno dopo i lavori di rimessa in esercizio».

Aspettando l’Ustif. «I documenti progettuali – continua l’ing. Sottile – sono stati inoltrati all’Assessorato Infrastrutture e Mobilità della Regione Siciliana e di qui alle Ustif competenti di Palermo e Napoli già il 21 febbraio scorso. Ma l’analisi delle modifiche e la relativa autorizzazione devono pervenire dal Ministero delle Infrastrutture di Roma dal momento, questo hanno spiegato da Palermo, che le cabine hanno capacità maggiori di 8 posti. I tempi di approvazione, quindi, non sono ancora certi. La Leitner ha accelerato i tempi di progettazione, produzione e consegna per dare modo alla funivia di essere aperta e col vestito nuovo per le festività pasquali ma è l’iter autorizzativo quello che, al momento, non ci consente di avere tempi certi per quanto si sia fatto di tutto per non accelerarli. Attendiamo informazioni dagli organi di controllo per confermare o rinviare l’inizio della trasformazione. Le nuove cabine saranno panoramiche di design moderno. Offriranno un maggiore confort, minori vibrazioni e silenziosità. Al termine del loro montaggio sarà necessario un nuovo collaudo ministeriale e poi ancora il nulla osta della Regione».

L'esercitazioni dei Vigili del Fuoco
L’esercitazioni dei Vigili del Fuoco

Due cabine ai VdF. Vigili del Fuoco, facendo seguito alla esercitazioni svoltesi nei giorni scorsi con le squadre SAF di Catania, Messina, Siracusa,Palermo, Trapani ed Agrigento, hanno manifestato intanto la loro intenzione di montare presso il loro centro di formazione Polifunzionale di Catania, San Giuseppe La Rena, una vera e propria palestra per l’addestramento al salvataggio su impianti a fune. Per questo hanno avanzato richiesta di prendere in carico due cabine, tra quelle che verranno dismesse da Asm, per attrezzare un sistema di simulazione che consenta un efficace e funzionale addestramento. «Per ora è solo una idea – precisa Sottile – alla quale stiamo lavorando in sinergia e che comunque, se portata a compimento, costituirebbe una prima assoluta in Italia a vantaggio di tutti gli impianti a fune della Sicilia».

© Riproduzione Riservata

Commenti