L’ Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi dell'Ospedale San Vincenzo di Taormina diretta dalla dottoressa Santina Castellino
L’ Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi dell'Ospedale San Vincenzo di Taormina diretta dalla dottoressa Santina Castellino

Anche a Taormina ieri si sono svolte iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza nell’ambito della Giornata Mondiale del Rene promossa dalla Società Italiana di Nefrologia e dalla Federazione Italiana Rene, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana. Presso la Biblioteca Comunale di Taormina si è tenuta una conferenza per la presentazione dei dati del Registro Siciliano della malattia renale.

L’impegno di un reparto d’eccellenza. L’ Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale San Vincenzo di Taormina diretta dalla dottoressa Santina Castellino da sempre presente in prima linea nella prevenzione e nella lotta alle Malattie Renali anche quest’anno ha partecipato attivamente, sin dalla mattinata di giovedì, alla giornata mondiale del rene con l’iniziativa Gazebo in Piazza a Taormina informando, in piazza IX Aprile, la gente sulla conoscenza dei fattori di rischio e sulla prevenzione della malattia renale tramite la conoscenza di fattori di rischio quali il diabete e l’obesità. I medici hanno evidenziato in particolare l’importanza di un controllo che può salvare la vita.

Il gazebo allestito per la "Giornata Nazionale del Rene" in Piazza IX aprile a Taormina
Il gazebo allestito per la “Giornata Nazionale del Rene” in Piazza IX aprile a Taormina

Numeri positivi al San Vincenzo. Per questo è stato allestito un gazebo informativo nel quale i cittadini hanno avuto modo di usufruire gratuitamente di un servizio di misurazione della pressione arteriosa e di analisi delle urine. L’attività quotidiana del reparto di Nefrologia e Dialisi a Taormina fa registrare numeri importanti. «Abbiamo in carico 60 pazienti in trattamento cronico con emodialisi o dialisi peritoneale e abbiamo sottoposto – spiega la dott.ssa Castellino – temporaneamente a dialisi 150 pazienti con insufficienza renale acuta, effettuando oltre 14 mila sedute dialitiche con metodiche intermittenti e continue. Nel 2016 il reparto di degenza ha avuto 276 ricoverati ed il day service ha registrato circa 400 accessi».

© Riproduzione Riservata

Commenti