Mauro Passalacqua, ex sindaco di Taormina
Mauro Passalacqua, ex sindaco di Taormina

Dopo quasi cinque anni il Tribunale di Messina ha assolto Mauro Passalacqua, ex sindaco di Taormina, dall’accusa di aver offeso la reputazione di Cateno De Luca, attuale sindaco di Santa Teresa di Riva. «Nonostante fosse stato De Luca – rende noto l’avvocato Carlo Umberto Lo Schiavo (difensore di Passalacqua) -, nel corso di un comizio tenuto a Taormina, nel settembre 2012, ad offendere il sindaco Passalacqua, come uomo, come professionista, come amministratore, l’allora onorevole aveva sporto querela contro Passalacqua reo, a suo dire, di averlo diffamato, nel corso di un intervento di risposta “per fatto personale” in Consiglio comunale, allorquando lo aveva apostrofato con gli aggettivi “galeotto” e “pecoraio”. Rinviato a giudizio per diffamazione, Passalacqua ha chiarito, nel corso del dibattimento, di aver utilizzato quegli appellativi all’indirizzo di De Luca per le vicende giudiziarie che lo avevano coinvolto; lo stesso, infatti, arrestato per abuso d’ufficio, tentata concussione e falso, aveva deciso di dimettersi d sindaco di Fiumedinisi».

«Una risposta alle provocazioni». «Nel processo – continua l’avvocato Lo Schiavo – è emerso, inoltre, che le parole pronunciate da Passalacqua erano state una risposta alle provocazioni di De Luca che con le sue espressioni ben più pesanti lo aveva denigrato sul piano personale, professionale e politico». Passalacqua è stato difeso dall’avvocato Carlo Umberto Lo Schiavo; De Luca – parte civile – dall’avvocato Antonio Ponturo.

© Riproduzione Riservata

Commenti